AGnese Bertello

Migrazioni: complessità e conflitto

05/07/2019
di Agnese Bertello
Agnese Bertello è stata tra le formatrici del corso “Migrazioni: complessità e conflitto”. Obiettivo del progetto è quello di dare una...
Agnese Bertello è stata tra le formatrici del corso “Migrazioni: complessità e conflitto”. Obiettivo del progetto è quello di dare una risposta al bisogno formativo di tutti quegli operatori, insegnanti, professionisti e volontari che si misurano con simili questioni. Si tratta di un percorso di formazione e ricerca: gli incontri di approfondimento in aula riguarderanno non... Read more »

Agnese Bertello è stata tra le formatrici del corso “Migrazioni: complessità e conflitto”. Obiettivo del progetto è quello di dare una risposta al bisogno formativo di tutti quegli operatori, insegnanti, professionisti e volontari che si misurano con simili questioni. Si tratta di un percorso di formazione e ricerca: gli incontri di approfondimento in aula riguarderanno non solo i temi più strettamente connessi alle migrazioni, ma anche la metodologia della ricerca sociale.

In questo ambito, Ascolto Attivo ha proposto un incontro formativo (4 ore) sugli strumenti della progettazione partecipata e della facilitazione come strumenti per rendere protagonisti insieme migranti e cittadini italiani nella coprogettazione di soluzioni condivise per affrontare insieme e in maniera creativa le sfide di un nuovo sviluppo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SOS – School of Sustainability

05/07/2019
di Agnese Bertello
Nel giugno 2018 abbiamo ha condotto un laboratorio sullo Spazio Pubblico all’interno del master SOS – School of Sustainability, McArchitects....
Nel giugno 2018 abbiamo ha condotto un laboratorio sullo Spazio Pubblico all’interno del master SOS – School of Sustainability, McArchitects. Il laboratorio ha coinvolto venti studenti della scuola internazionale di Bologna. Obiettivo del laboratorio era raccogliere, da parte degli studenti, suggestioni e proposte per la riqualificazione di una delle piazze principali della città, Piazza Re... Read more »

Nel giugno 2018 abbiamo ha condotto un laboratorio sullo Spazio Pubblico all’interno del master SOS – School of Sustainability, McArchitects.
Il laboratorio ha coinvolto venti studenti della scuola internazionale di Bologna. Obiettivo del laboratorio era raccogliere, da parte degli studenti, suggestioni e proposte per la riqualificazione di una delle piazze principali della città, Piazza Re Renzo, accanto a Piazza Maggiore, a partire dalla condivisione di riflessioni sulla sostenibilità ambientale e la qualità dello spazio pubblico.

Il laboratorio è stato articolato in più momenti:

  • giochi e facilitazione visuale per favorire la conoscenza reciproca condividere riflessioni sul tema dello spazio pubblico e sulla qualità dello spazio pubblico a Bologna,
  • sopralluogo / passeggiata di quartiere nella piazza oggetto del progetto,
  • laboratorio di coprogettazione per condividere le impressioni del sopralluogo, proposte e suggestioni per la riqualificazione della piazza
  • creazione di una “mappa parlante” della zona di intervento che restituisce e localizza gli interventi proposti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legami di corresponsabilità

05/06/2019
di Agnese Bertello
Nel novembre 2017, Agnese Bertello ha curato un modulo formativo all’interno del corso di perfezionamento “Legami di corresponsabilità” dell’Università degli...
Nel novembre 2017, Agnese Bertello ha curato un modulo formativo all’interno del corso di perfezionamento “Legami di corresponsabilità” dell’Università degli studi di Trieste. Il corso si è tenuto presso il campus di Portogruaro. Il modulo è stato dedicato all’analisi critica di esperienze di democrazia deliberativa. La parte laboratoriale ha previsto un lavoro in gruppi per... Read more »

Nel novembre 2017, Agnese Bertello ha curato un modulo formativo all’interno del corso di perfezionamento “Legami di corresponsabilità” dell’Università degli studi di Trieste. Il corso si è tenuto presso il campus di Portogruaro.

Il modulo è stato dedicato all’analisi critica di esperienze di democrazia deliberativa. La parte laboratoriale ha previsto un lavoro in gruppi per cominciare a far emergere strategie progettuali legate al tema della rigenerazione urbana e sociale a partire dalle conoscenze dirette dei partecipanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’Italia che si ricostruisce: pratiche di partecipazione delle comunità

12/04/2019
di Agnese Bertello
“L’Italia che si ricostruisce: pratiche di partecipazione delle comunità nei processi di ricostruzione” 11 maggio 2019 – ore 9,00 /16,00...
“L’Italia che si ricostruisce: pratiche di partecipazione delle comunità nei processi di ricostruzione” 11 maggio 2019 – ore 9,00 /16,00 Arquata del Tronto Action Aid organizza un seminario per discutere della partecipazione dei cittadini nella ricostruzione a partire dalle esperienze concrete che hanno preso forma dopo gli ultimi eventi sismici. Ascolto Attivo parteciperà portando l’esperienza... Read more »

“L’Italia che si ricostruisce: pratiche di partecipazione delle comunità nei processi di ricostruzione”
11 maggio 2019 – ore 9,00 /16,00
Arquata del Tronto

Action Aid organizza un seminario per discutere della partecipazione dei cittadini nella ricostruzione a partire dalle esperienze concrete che hanno preso forma dopo gli ultimi eventi sismici. Ascolto Attivo parteciperà portando l’esperienza condotta a Camerino con SOS – School of Sustainability.

Programma

ore 9:30 – Sessione frontale
Introducono e moderano:​
Fabrizio Barca* – ​Economista, esperto di governo societario e di politiche di sviluppo territoriale Sara Vegni – Responsabile Programma Resilienza – ActionAid Italia e

Saluti istituzionali​ – Aleandro Petrucci, Sindaco di Arquata del Tronto

lI Regolamento sulla partecipazione dei cittadini al processo di ricostruzione​:
Le esperienze di Arquata del Tronto e di Amatrice

Il percorso Riscoperta
Associazione Pescara del Tronto 24/08/2016
Presentazione della pubblicazione “Viaggio nella memoria di Pescara del Tronto”

Presentazione della Campagna #sicuriperdavvero
Damiano Sabuzi – Esperto di policy – ActionAid Italia

ore 11:45 – Sessione in gruppi di lavoro tematici
Saranno invitati e invitate ai tavoli di lavoro amministratori e amministratrici di piccoli/medi comuni che in Italia hanno dovuto o stanno ancora fronteggiando la ricostruzione del proprio territorio, associazioni, comitati, singoli cittadini e cittadine, università ed enti preposti alla ricostruzione non solo del centro Italia, istituzioni locali, studiosi e studiose della materia. Attraverso metodologie partecipative (es. world cafè) ​si lavorerà per l’emersione di istanze comuni sui temi legati al coinvolgimento delle persone nei processi di ricostruzione.

14:00 – Ripresa dei lavori sui tavoli tematici
15:30 – Restituzione in plenaria
16:00 – Chiusura eventi

    Scarica il Programma

Una replica a “L’Italia che si ricostruisce: pratiche di partecipazione delle comunità”

  1. Sono molto interessato ma non potrò partecipare perché in viaggio (Germania dal figlio ) fino al 13. Risiedo con mia moglie ad Accumoli, partecipo ad un laboratorio di psy plus (dott.Sarà Rita Sorrentino), sono socio di Radici accumolesi e del e-club rotary Fenice del Tronto e fra gli aspiranti consiglieri comunali di Accumoli, iscritto alla CGIL Pensionati. Vedo un po’ il post terremoto come una sfida (come una opportunità mi sembrerebbe eccessivo,Almeno alla mia età. Mi sarebbe piaciuto molto incontrare Fabrizio Barca. Ricostruire e potenziare la rete dei rapporti interpersonali locali aprendoli verso l’esterno dando una prospettiva di superamento delle carenze anche esistenziali a seguito del terremoto che coinvolga attivamente i singoli mi sembra la strategia migliore.

BiopiattaformaLab

11/02/2019
di Agnese Bertello
Agnese Bertello ha ideato e condotto con Nimby Forum e Beulcke + Partners il percorso partecipativo “Biopiattaformalab”. Il percorso, voluto dai...
Agnese Bertello ha ideato e condotto con Nimby Forum e Beulcke + Partners il percorso partecipativo “Biopiattaformalab”. Il percorso, voluto dai Comuni di Sesto San Giovanni, Cologno Monzese, Cormano, Pioltello e Segrate, e realizzato da Gruppo CAP e da Core, ha riguardato il progetto preliminare per la riconversione dell’attuale termovalorizzatore, che tratta rifiuti indifferenziati, in una biopiattaforma... Read more »

Agnese Bertello ha ideato e condotto con Nimby Forum e Beulcke + Partners il percorso partecipativo “Biopiattaformalab”.
Il percorso, voluto dai Comuni di Sesto San Giovanni, Cologno Monzese, Cormano, Pioltello e Segrate, e realizzato da Gruppo CAP e da Core, ha riguardato il progetto preliminare per la riconversione dell’attuale termovalorizzatore, che tratta rifiuti indifferenziati, in una biopiattaforma dedicata all’energia circolare, creando una sinergia innovativa tra il trattamento dei fanghi da depurazione e il trattamento della FORSU prodotta nei territori interessati.

L’obiettivo del percorso partecipativo è informare in maniera chiara e completa in merito al progetto; confrontarsi in maniera aperta e trasparente con il territorio, analizzando ragioni, caratteristiche, impatti e ricadute del progetto stesso; migliorare e arricchire il progetto, adattandolo al meglio al contesto in cui verrebbe realizzato.

Il percorso è ispirato nei suoi principi e nella sua organizzazione al Débat Public: il percorso infatti è stato condotto da un soggetto terzo rispetto a tutte le parti, autonomo nella scelta delle modalità di conduzione del processo, così come e nella rielaborazione finale del quadro delle opinioni e delle proposte emerse.

Completezza e trasparenza delle informazioni, rispetto e ascolto reciproco, approfondimento e indagine della complessità sono i principi cui il percorso si ispira.

Il percorso è articolato attraverso 5 diversi appuntamenti:

  • 1 incontro di presentazione delle caratteristiche generali del progetto,
  • 3 laboratori tematici dedicati ad approfondire aspetti specifici del progetto,
  • 1 incontro di chiusura in cui sarà presentato il documento di sintesi prodotto dalla coordinatrice.

I laboratori tematici sono stati dedicati rispettivamente agli aspetti strategici ed economici, agli aspetti ambientali e alle scelte tecnologiche, ai controlli e alle compensazioni. I laboratori hanno visto la partecipazione di esperti terzi, invitati da CAP.
L’ultimo incontro, il 22 gennaio 2019, è stato dedicato alla presentazione pubblica della Relazione finale della coordinatrice che ha evidenziato i punti di vista e le richieste emerse: a queste i proponenti sono chiamati a dare risposta formalmente.

Sul sito del percorso sono disponibili tutti i documenti tecnici relativi al progetto, i report dei singoli incontri, le presentazioni proposte.

Il 2 aprile Gruppo CAP ha presentato le risposte alle osservazioni e alle richieste emerse sia durante il percorso partecipativo sia attraverso la conferenza dei servizi preliminare.

Hanno facilitato i tavoli di lavoro: Cristina Rago, Francesca Schirillo, Andrea Michielon.

 

I commenti sono chiusi.