camera arbitrale

Competizione Italiana di Mediazione

23/01/2017
di Agnese Bertello
La Competizione Italiana di Mediazione è una gara tra studenti di università italiane sul tema della mediazione, organizzata da Camera...
La Competizione Italiana di Mediazione è una gara tra studenti di università italiane sul tema della mediazione, organizzata da Camera Arbitrale di Milano in collaborazione con l’Università Statale di Milano. Alla prossima edizione del 16 e 17 febbraio 2017 parteciperanno ben 24 università italiane. Stefania Lattuille allena da tre anni la squadra dell’Università Statale di... Read more »

La Competizione Italiana di Mediazione è una gara tra studenti di università italiane sul tema della mediazione, organizzata da Camera Arbitrale di Milano in collaborazione con l’Università Statale di Milano.

Alla prossima edizione del 16 e 17 febbraio 2017 parteciperanno ben 24 università italiane. Stefania Lattuille allena da tre anni la squadra dell’Università Statale di Milano.

Le gare sono aperte al pubblico e la partecipazione alla competizione è gratuita.

Visita il sito e la pagina FB per gli aggiornamenti.

 

Nell’immagine, la squadra dell’Università Statale di Milano in gara per la quinta Competizione Italiana di Mediazione.

I commenti sono chiusi.

Mediazione ambientale. Convegno conclusivo del progetto

03/11/2016
di Agnese Bertello
Il convegno conclusivo del progetto coordinato dalla Camera Arbitrale di Milano, si terrà presso l’Auditorium Testori, in Piazza Città di...
Il convegno conclusivo del progetto coordinato dalla Camera Arbitrale di Milano, si terrà presso l’Auditorium Testori, in Piazza Città di Lombardia 1, a Milano. PROGRAMMA 9.30 Registrazione partecipanti 10.00 APERTURA LAVORI, SALUTI E CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE Intervengono Claudia Maria Terzi, Assessore all’Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile Regione Lombardia Lorenzo Lipparini, Assessore alla Partecipazione Comune di Milano... Read more »

Il convegno conclusivo del progetto coordinato dalla Camera Arbitrale di Milano, si terrà presso l’Auditorium Testori, in Piazza Città di Lombardia 1, a Milano.

PROGRAMMA

9.30 Registrazione partecipanti

10.00 APERTURA LAVORI, SALUTI E CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE
Intervengono
Claudia Maria Terzi, Assessore all’Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile Regione Lombardia
Lorenzo Lipparini, Assessore alla Partecipazione Comune di Milano
Sonia Cantoni, Consigliere d’amministrazione delegato alle tematiche ambientali Fondazione Cariplo
Sergio Rossi, Direttore Sviluppo Imprese Camera di Commercio di Milano
Alberto Contri, Presidente Fondazione Pubblicità Progresso
Angelo Dezotti, Presidente TAR Lombardia

10.45 LA MEDIAZIONE DEI CONFLITTI AMBIENTALI: RESTITUZIONE DELL’ATTIVITÀ SVOLTA

Intervengono
Stefania Lattuille, Mediatrice e avvocato
Michele Giovannini, Professore diritto amministrativo Politecnico di Milano
Nicola Giudice, Responsabile Servizio di conciliazione Camera Arbitrale di Milano
Sergio Vazzoler, Partner Amapola
Modera Veronica Dini

12.00 MICROFONO APERTO ALLE ESPERIENZE CONCRETE
Testimonianze dei partner di progetto e sollecitazioni dal pubblico per far emergere le criticità, valutare i
risultati ottenuti e formulare le nuove proposte.
Modera Nicola Giudice

13.00 – 14.30 Pausa

14.30 TAVOLA ROTONDA – DAL CONTENZIOSO AL DIALOGO: RIFLESSIONI SULLA GESTIONE DEI
CONFLITTI AMBIENTALI
Intervengono
Veronica Dini, Coordinatrice progetto
Marianella Sclavi, Sociologa e facilitatrice
Gregorio Arena, Presidente Labsus – Laboratorio per la sussidiarietà
Claudia Mazzucato, Docente Università Cattolica Milano e mediatore penale
Gherardo Colombo, Magistrato e scrittore
Modera Rossella Sobrero

16.00 CONCLUSIONI E CHIUSURA LAVORI

I commenti sono chiusi.

Mediazione ambientale

12/07/2016
di Agnese Bertello
L’obiettivo principale che si propone il progetto è estendere l’applicazione dell’istituto della mediazione civile ai conflitti ambientali, diffondendo la cultura del dialogo...
L’obiettivo principale che si propone il progetto è estendere l’applicazione dell’istituto della mediazione civile ai conflitti ambientali, diffondendo la cultura del dialogo e della partecipazione, anche nell’ambito dei contenziosi che riguardano l’ambiente. Promotore dell’iniziativa, di cui è coordinatrice l’avv. Veronica Dini, è la Camera Arbitrale di Milano. Ascolto Attivo è partner del progetto, si è occupata della redazione delle linee... Read more »

L’obiettivo principale che si propone il progetto è estendere l’applicazione dell’istituto della mediazione civile ai conflitti ambientali, diffondendo la cultura del dialogo e della partecipazione, anche nell’ambito dei contenziosi che riguardano l’ambiente.

Promotore dell’iniziativa, di cui è coordinatrice l’avv. Veronica Dini, è la Camera Arbitrale di Milano. Ascolto Attivo è partner del progetto, si è occupata della redazione delle linee guida, della organizzazione e conduzione della simulazione di una mediazione a fini promozionali e della sperimentazione del progetto.

Avviato all’inizio del 2016, il progetto è articolato in tre fasi, con diversi momenti di confronto nazionale e internazionale, e si concluderà nel novembre 2016. E’ attualmente in corso la fase di sperimentazione su vari casi reali di conflitti ambientali.

I commenti sono chiusi.

La mediazione, un colpo di fulmine

26/06/2016
di Stefania Lattuille
Che cosa fa il mediatore? Crea uno spazio in cui le alternative diventano possibili. Uno spazio di autodeterminazione, uno spazio...
Che cosa fa il mediatore? Crea uno spazio in cui le alternative diventano possibili. Uno spazio di autodeterminazione, uno spazio in cui possono decidere se e come risolvere il conflitto che il coinvolge.

Per spiegare come intendo il mio ruolo di mediatrice, vi racconto – in breve, promesso – la mia storia. Da avvocato giuslavorista mi sono innamorata della mediazione frequentando un corso per i crediti formativi.
Continuando a formarmi nella mediazione – in particolare su tipologie di mediazione più incentrate sulla persona – e iniziando a formarmi come facilitatrice, frequentando corsi specifici in materia di comunicazione e facilitazione di grossi gruppi ed arrivando persino a fare corsi di teatro, quindi sperimentandomi quotidianamente sia come mediatrice che come facilitatrice, nel tempo è cambiato anche il mio modo di fare il mediatore.

Ho ben compreso, anche attraverso l’esperienza, come sia necessario che le parti in lite si trovino in un effettivo spazio di autodeterminazione, uno spazio in cui possano veramente decidere se e come risolvere la loro lite. Di conseguenza, nelle mie mediazioni, spiego subito questo passaggio dedicandoci del tempo e cerco poi, a procedura instaurata, di intervenire come mero facilitatore e quindi solo nel caso in cui ce ne sia effettivamente bisogno, limitandomi spesso a creare il clima ideale per riaprire i canali di comunicazione tra le parti e a sottolineare verbalmente o a visualizzare sulla lavagna a fogli mobili i passaggi del loro dialogo per aiutarli a fare ordine e chiarezza.
Insomma, ho compreso che il mio compito è quello di mettere e mantenere la persona al centro!

E per far questo so che conta più come mi rapporto e mi comporto nella stanza di mediazione, quello che trasmetto col mio atteggiamento di ascolto attivo, di empatia e di comprensione, di quanto io dica ‘verbalmente’ e faccia ‘tecnicamente’, permettendo così la creazione di quel clima di fiducia che è un ingrediente necessario di una buona mediazione, qualsiasi essa sia, civile, familiare o comunitaria. Fiducia dapprima nel mediatore, poi nel setting della mediazione (tutti intorno a un tavolo a confrontarci paritariamente facilitati da un esperto) quindi nel dialogo e nel negoziato con la controparte e, infine, fiducia nell’altro, fosse solo nella condivisione di una soluzione conciliativa, spesso in realtà trasformando anche la relazione con lui.

cohousing4def

 

I commenti sono chiusi.

La mediazione dei conflitti ambientali in Europa

16/06/2016
di Agnese Bertello
Workshop internazionale sulla mediazione dei conflitti ambientali in Europa. L’evento si inserisce nel progetto sperimentale sulla Mediazione Ambientale lanciato dalla...
Workshop internazionale sulla mediazione dei conflitti ambientali in Europa. L’evento si inserisce nel progetto sperimentale sulla Mediazione Ambientale lanciato dalla Camera Arbitrale di Milano. Il workshop si terrà il 14 luglio 2016, dalle 14.30, nella Sala Lauree della Facoltà Scienze Politiche, Economiche e Sociali (Via Conservatorio, 7 – Milano). Il workshop propone interventi istituzionali ed esperienze da... Read more »

Workshop internazionale sulla mediazione dei conflitti ambientali in Europa. L’evento si inserisce nel progetto sperimentale sulla Mediazione Ambientale lanciato dalla Camera Arbitrale di Milano. Il workshop si terrà il 14 luglio 2016, dalle 14.30, nella Sala Lauree della Facoltà Scienze Politiche, Economiche e Sociali (Via Conservatorio, 7 – Milano). Il workshop propone interventi istituzionali ed esperienze da ogni parte d’Europa; a Marianella Sclavi l’onere di presentare l’esperienza olandese.

freccia viola La mediazione dei conflitti ambientali in Europa

I commenti sono chiusi.