Marianella Sclavi

Di pubblica utilità

11/10/2017
di Marianella Sclavi
Questa intervista a Marianella Sclavi è stata realizzata dalla Fondazione Symbola, durante il Festival della Soft Economy, a Treia, nel luglio...
Questa intervista a Marianella Sclavi è stata realizzata dalla Fondazione Symbola, durante il Festival della Soft Economy, a Treia, nel luglio 2017.  Ascolto Attivo era a Treia per presentare il percorso di progettazione partecipata condotto a Camerino con MCArchitects e Sos School of Sustainability, per la ricostruzione del centro storico della città dopo il sisma dell’autunno... Read more »

Questa intervista a Marianella Sclavi è stata realizzata dalla Fondazione Symbola, durante il Festival della Soft Economy, a Treia, nel luglio 2017.  Ascolto Attivo era a Treia per presentare il percorso di progettazione partecipata condotto a Camerino con MCArchitects e Sos School of Sustainability, per la ricostruzione del centro storico della città dopo il sisma dell’autunno precedente.
L’intervista è uscita sul sito del Festival Pubblica Utilità che si terrà ad ottobre 2017.

 

In base alla sua esperienza e alle sue competenze, come definirebbe, oggi, il concetto di “pubblica utilità”? 

Mi occupo di come si costruiscono contesti di mutuo apprendimento e co-progettazione creativa. Il nemico fondamentale di queste pratiche è una abitudine di pensiero che Gregory Bateson nella introduzione di Verso una Ecologia della mente, definisce “soporifera”.

Esempi di spiegazione soporifera sono:
1. “ Non è portato per…” ( gli studi, le lingue, gli sport, la leadership, l’impegno sociale, la cittadinanza attiva, ecc.)
2. “la colpa è della..” (burocrazia, casta, dirigenza, natura umana, il ministero, le istituzioni, ecc).

Bateson, per illustrare il concetto di “spiegazione soporifera” sopra esposto ricorre ad un episodio tratto da una commedia di Molière dove tre accademici medioevali chiedono al candidato “Perché l’oppio fa dormire?” e quello trionfante: “Perché esso possiede un principio soporifero, una virtus dormitiva .”

Sembra che questa scenetta ai tempi di Molière, ovvero nel XVIImo secolo, facesse sbellicare dal ridere le platee per le quali era evidente che la spiegazione del candidato era “finta”, tautologica: “fa dormire perché fa dormire!!”. Ebbene, le platee del XXImo secolo -a quanto mi risulta- non trovano niente di strano né di umoristico nella risposta del candidato. La prendono per buona. La mia conclusione è che siamo talmente assuefatti al pensiero soporifero che ci appare come l’unico possibile. Che altro modo di ragionare c’è?

Il ricorso al pensiero soporifero, che “assume che la causa di un comportamento sia una parola astratta derivata dal comportamento stesso” (G. Bateson), è ormai endemico. Ed è un problema epistemologico fondamentale in quanto impedisce la raccolta di conoscenze necessarie a dirigere il cambiamento.

Il dibattito pubblico attualmente in Italia è dominato da questo approccio che è il contrario del professionista riflessivo, della capacità di imparare dagli incidenti di percorso e dalle buone pratiche; è la negazione di quella epistemologia dei mondi possibili sulla quale si incardina l’attività di progettazione e naturalmente anche quella di co-progettazione creativa.

Senza sconfiggere questa abitudine di pensiero e i campi conversazionali che la sostengono, non è neppure il caso di parlare di “pubblica utilità.”

 

Quali possono essere le caratteristiche e gli ambiti che associa all’idea di “pubblica utilità”? Quali le loro peculiarità?

Qualsiasi contesto dialogico, nel quale le differenze vengono accolte come risorse e trasformate dai partecipanti in occasioni di co-progettazione creativa, è in quanto tale potenzialmente di “pubblica utilità”.

Le due principali palestre di allenamento nelle capacità di base necessarie per familiarizzarsi con una epistemologia dei mondi possibili e imparare a muoversi con scioltezza ed efficacia nella complessità, sono l’HUMOR E L’INTERCULTURA. Più precisamente: le dinamiche sociali dell’umorismo e quelle della buona comunicazione interculturale. In entrambi i casi la correzione di una interpretazione data per scontata avviene grazie alla capacità di vedere le cose anche da un altro punto di vista in precedenza escluso. In entrambi i casi la trasformazione della smentita/fallimento interpretativo in moltiplicazione dei punti di vista, fa approdare a una comprensione più adeguata della situazione di partenza.

Perché la dimensione di pubblica utilità di questo habitat epistemologico sia riconosciuta è necessario potenziare in Italia circuiti autorevoli, capaci di far sì che esso diventi il tratto qualificante in particolare delle istituzioni educative (famiglia, scuola, spazi di socialità) e della Pubblica Amministrazione all’interno di una concezione post-moderna della governance.

Si tratta di abituarsi a raccogliere “incidenti critici”, a possedere una vasta aneddotica di modalità “inusuali” di interpretare/affrontare le questioni spinose, che paiono irresolvibili. Come aveva ben capito Wittgenstein: “Non è vero che l’eccezione conferma la regola. L’eccezione fa emergere possibilità in precedenza escluse.”

 

In base alla sua esperienza, ci sono settori/ambiti emergenti che possono essere oggi collegati al concetto di pubblica utilità?

Il libro Facilitiamoci! (2016) scritto da tre giovani donne neo laureate rispettivamente in ingegneria elettronica, architettura e comunicazione internazionale, è interessante per discutere quali sono i bisogni psicosociali dei giovani d’oggi per tre sue caratteristiche.

1.La denuncia di partenza: “Abbiamo vissuto sulla nostra pelle abusi di chi, in un gruppo, ha più potere, e lo usa esclusivamente per il proprio tornaconto. Conosciamo bene le conseguenze di conflitti rimasti nascosti sotto i tappeti o esplosi in contesti poco sicuri. Abbiamo partecipato ad innumerevoli riunioni estenuanti, dove le decisioni sono state prese per sfinimento o senza un vero consenso dei partecipanti”.

  1. La diagnosi: “Per risolvere questi problemi bisogna cambiare l’humus sociale e culturale che li perpetua”. ( Estensione della famosa citazione di Einstein: “Non si possono risolvere i problemi con le stesse forme di pensiero che li hanno provocati “) 3 Il metodo adottato: usare tutti gli strumenti che il XXI secolo mette a disposizione, da Internet e social network, ai voli low cost, ai programmi europei sulla iniziativa e imprenditorialità giovanile, per osservare personalmente le “buone pratiche” in giro per il pianeta, imparare come si organizzano contesti di mutuo apprendimento e di confronto creativo e incominciare a metterli in atto ovunque sia possibile. Quello che scoprono è che fra sistemi complessi che funzionano e quelli che non funzionano vi è una discontinuità epistemologica radicale che non può essere sottaciuta, che va dichiarata e vissuta con auto-riflessività, mettendo in gioco le proprie emozioni e le proprie storie.

 

Quali sono, secondo lei, i soggetti che si muovono nel perimetro della pubblica utilità e quale il loro ruolo? 

In generale si muovono nel perimetro della pubblica utilità tutti i soggetti, individuali e collettivi – che operano nei settori più diversi – con spirito di innovazione e  secondo dinamiche di dialogo e creatività.

Le sfide perché la pubblica utilità del loro operato sia riconosciuta e valorizzata sono di tre tipi.

In primo luogo, una maggiore consapevolezza delle dinamiche epistemologiche e di gruppo che stanno alla base di queste esperienze. Ascolto attivo, auto-consapevolezza emozionale, gestione alternativa dei conflitti , sono tutti atteggiamenti e comportamenti apprendibili , la cui efficacia e ampiamente verificabile. La dinamica bisociativa della stessa “creatività” (nella vita quotidiana, nell’invenzione scientifica, nelle arti) è stata ampiamente dimostrata dai tempi in cui Arthur Koestler scriveva L’atto creativo , a metà degli anni ’60 .

In secondo luogo la sostituzione delle assemblee organizzate per file di sedie rivolte al palco con una spazialità che consente l’alternanza di lavori in plenaria e in piccoli gruppi e  la presenza di facilitatori garanti di spazi/tempi dedicati all’ascolto reciproco e alla moltiplicazione delle opzioni . Ovvero: sostituire alle  dinamiche di gruppo funzionali al “dibattito” e “argomentazione” (chi ha ragione, chi torto), dinamiche dialogiche e di esplorazione congiunta di mondi possibili.

In terzo luogo e assolutamente fondamentale: dedicare tempo, eventi, ricerche, incontri allo studio ed evidenziazione di “gli spazi della innovazione, del dialogo e creatività nella e con la Pubblica Amministrazione.”  La PA è il nodo in cui la concezione dell’autorità e del potere e la creatività entrano in collisione in Italia più che in altri Paesi, a scapito di queste ultime. Il difetto principale della cultura italiana, la vera “lotta di classe” incompiuta, sta nell’incapacità di sbellicarsi dalle risate rispetto alla subalternità, ai regolamenti e gerghi di un diritto pubblico pretenzioso e parruccone.

 

Guardando al prossimo futuro, come immagina che si evolverà l’idea di pubblica utilità? Quali dinamiche interesseranno questo ambito?

Sono molto interessanti le esperienze di “democrazia sperimentale” in atto in vari Paesi europei, in Canada, negli Usa e in alcuni Paesi della America Latina.  Sono esperienze che mettono radicalmente in discussione l’impianto epistemologico della modernità (vedi Foucault).  In particolare richiedono una redifinizione dei seguenti concetti:

  • “interesse generale”: (da una posizione al di sopra delle parti, all’esito di un processo partecipativo inclusivo e trasparente). Lo slogan alternativo: “tutto il mondo nella stanza”;
  • “maggioranza e minoranza”: (da una concezione dei processi decisionali legittimi basata sull’irrigimentazione del singolo/ della minoranza a una basata sul diritto di ascolto dei singoli e delle minoranze). Slogan alternativo: “Niente per noi senza di noi/ Nothing for us without us”;
  • “terreni comuni” : (da valori e legami ereditati e scontati vs costruiti congiuntamente). Slogan alternativo: “Dalla paura del diverso alla paura dello stesso”;
  • “Partiti”:  (da incanalatori della volontà dei cittadini vs garanti del gioco dell’ascolto). Slogan: gli abitanti e non i partiti sono i principali city makers.

In sintesi: un nuovo senso della politica.

 

In base alla sua esperienza, ci racconti dei ‘casi virtuosi’ che operano negli ambiti che ha segnalato come afferenti all’idea di pubblica utilità (domanda 2)

Un’esperienza recente non diretta da me, ma da Susan E. George , Presidente (custode dello spazio dialogico) della Associazione Italiana di Partecipazione Pubblica – Associazione Italiana di Partecipazione Pubblica  è un corso di formazione per i dirigenti del Comune di Livorno, teso alla attuazione di una Amministrazione 4.0.   L’approccio è quello  promosso in tutto il mondo dal ricercatore e studioso del MIT, Carl Otto Scharmer, che sta “attecchendo” in varie parti del mondo, in particolare nella PA scozzese. Il caso di Livorno è incredibilmente interessante in quanto si è verificata una vera conversione  sia all’interno della Giunta Comunale (M5S) che fra la dirigenza tecnico/amministrativa del Comune.

Poi potrei elencare tutta una serie di esperienze virtuose, sia in Italia che all’estero. Ultimamente come Ascolto Attivo srl, assieme alle mie socie, mi sono occupata del processo di recupero e riqualificazione del complesso di SS Trinità delle Monache (ex ospedale militare) a Napoli e della ricostruzione partecipata di Camerino, accanto al gruppo di lavoro di Mario Cucinella.

In precedenza come Ascolto Attivo srl, abbiamo affiancato un gruppo di cittadini di Pavia che in modo autonomo e auto-finanziato (la consulenza di Ascolto Attivo è stata pagata di tasca loro, cosa abituale negli Usa, ma molto rara in Italia) si sono costituiti in “Arsenale creativo”. Ecco il loro programma (che stanno perseguendo nonostante lo scarso entusiasmo e collaborazione delle istituzioni comunali e politiche). Proposta del percorso partecipativo: “La città che desideriamo. Coinvolgimento della cittadinanza nella progettazione partecipata e creativa dell’area dell’ex Arsenale”

La città di Pavia si trova di fronte a un’occasione unica: nel giro di pochi mesi (quelli previsti dal decreto Sblocca-Italia) i muri dell’ex Arsenale verranno abbattuti e il centro della città si troverà ampliato di circa 140.000 mq (un terzo dell’attuale estensione), con la possibilità di creare un nuovo circuito di spazi e luoghi che dialogano con il resto della città e la potenziano, diventano occasione per un rilancio complessivo della iniziativa sociale, economica e culturale della intera città.

In questa contingenza, un gruppo composito e deciso di cittadini hanno fondato Arsenale Creativo, sulla base della convinzione che l’esito positivo di tale intervento è oggigiorno strettamente dipendente  da un approccio  di progettazione partecipata e creativa, in sintonia con i metodi di democrazia partecipativa cui ricorrono sempre più spesso le amministrazioni delle più importanti città del mondo (vedi fra gli altri, a Parigi, i 23 progetti ReinventerParis e i 20 milioni di euro stanziati nel 2014 per il Bilancio Partecipativo, a New York l’intervento su Ground Zero, a Milano il progetto partecipato Garibaldi e l’Isola Partecipata in atto dal 2012 e i 9 milioni di euro stanziati per il Bilancio Partecipativo del 2015).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Luigi Bobbio

09/10/2017
di Marianella Sclavi
Luigi Bobbio: siamo diventati amici nei corridoi della Federazione torinese del Psiup nel 1968. Seduti per terra, in attesa dell’arrivo...
Luigi Bobbio: siamo diventati amici nei corridoi della Federazione torinese del Psiup nel 1968. Seduti per terra, in attesa dell’arrivo di Pino Ferraris, segretario vulcanico e trascinatore. Piaceva ad entrambi raccogliere e raccontare episodi inediti delle “lotte” di cui facevamo parte, dando valore a esperienze e sentimenti ideologicamente “fastidiosi e marginali”. Ridere di noi stessi,... Read more »
Luigi Bobbio: siamo diventati amici nei corridoi della Federazione torinese del Psiup nel 1968. Seduti per terra, in attesa dell’arrivo di Pino Ferraris, segretario vulcanico e trascinatore. Piaceva ad entrambi raccogliere e raccontare episodi inediti delle “lotte” di cui facevamo parte, dando valore a esperienze e sentimenti ideologicamente “fastidiosi e marginali”. Ridere di noi stessi, ridimensionare le gesta senza abbandonare le mete e le speranze.
 
Poi l’ho visto al lavoro, era un faro: sapevi che anche nelle riunioni e discussioni più incasinate, lui a un certo punto avrebbe preso la parola per “fare la sintesi” e tutti saremmo rimasti sorpresi di essere stati nel complesso più intelligenti di quello che fino a quel momento avevamo creduto.
 
Un leader naturale, nel senso più anglosassone possibile della parola, la limpidezza di pensiero associata alla gradevolezza umana.
 
Ancora non ci credo che se ne sia andato, e sono sorpresa da quanto mi sento straziata. E al tempo stesso ho il dubbio che questo modo di andarsene discreto, in fondo elegante, che lascia tutti spiazzati, gli assomigli molto. Mi sa che da dove è, ci guarda sorridendo.
 
E siccome abbiamo la stessa età (credo fosse nato due o tre mesi prima di me) di nuovo, come spesso mi è successo in passato, un po’ lo invidio e un po’ mi chiedo se anche in questo non mi converrebbe imparare qualcosa da lui.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricostruzione, politica e partecipazione

05/10/2017
di Agnese Bertello
Vasco Errani conclude il suo mandato da Commissario Straordinario e lascia in eredità un’ordinanza (n. 36, 8 settembre 2017) che...
Vasco Errani conclude il suo mandato da Commissario Straordinario e lascia in eredità un’ordinanza (n. 36, 8 settembre 2017) che ai nostri occhi rappresenta un “caso di studio” emblematico per analizzare il complesso rapporto tra partecipazione e politica. Quali sono gli elementi di questo “caso di studio”? Il primo Decreto Legge del Commissario (n.189), datato... Read more »

Vasco Errani conclude il suo mandato da Commissario Straordinario e lascia in eredità un’ordinanza (n. 36, 8 settembre 2017) che ai nostri occhi rappresenta un “caso di studio” emblematico per analizzare il complesso rapporto tra partecipazione e politica.

Quali sono gli elementi di questo “caso di studio”? Il primo Decreto Legge del Commissario (n.189), datato 17 ottobre 2016, individua la partecipazione dei cittadini come strumento fondamentale per la ricostruzione: gli interventi, dice, “devono avvenire assicurando un ampio coinvolgimento delle persone interessate”. Vasco Errani è stato presidente della Regione Emilia Romagna dove la Legge sulla partecipazione esiste da tempo, conosce la partecipazione da vicino, ne conosce l’importanza e giustamente la pone al centro di una politica di ricostruzione.

Nella primavera 2017, Errani decide di affidare allo studio di Mario Cucinella l’elaborazione di un Piano Strategico per la ricostruzione del centro storico della città di Camerino. Il Piano deve prevedere un percorso partecipativo che coinvolga gli abitanti della città marchigiana. Da questa scelta, nasce Workshop Ricostruzione Camerino (WSR Camerino), progetto di MCArchitects, School of Sustainability che vede come partner Ascolto Attivo, per la progettazione partecipata.

 

IMG_5392

 

Tra maggio e luglio 2017, sono stati organizzati 4 laboratori cui hanno partecipato tra le 60 e le 150 persone. Alla Rocca di Camerino, intorno ai tavoli, in incontri che dalle 18,00 si protraevano a volte fino alle 22, abitanti e architetti ragionavamo insieme di come trasformare un dramma in un’occasione di crescita, come farla ancora più bella, questa città, garantendo vie di fuga, spazi aperti, luoghi di socialità, servizi, un centro storico vissuto 7 giorni su 7… Così, in questo dialogo, che non è stato senza conflittualità, ma pieno di energia e intelligenza, si è riuscita a condividere una visione della Camerino futura e a cominciare a costruire un Piano d’Azione concreto per dare concretezza a quella visione

A settembre le Linee strategiche WSR Camerino (Workshop Ricostruzione Camerino) sono state presentate non solo al Comune di Camerino, ma alla Regione Marche, alla Sovrintendenza dei Beni Culturali, alla Provincia di Macerata, all’Arcidiocesi di Camerino, all’Ufficio Speciale per la Ricostruzione Ancora e Macerata, al MiBACT, all’Università di Camerino, avviando un
Tavolo di lavoro che tiene insieme, oltre ai cittadini, tutte le istituzioni coinvolte nella ricostruzione della città. Il primo passo di una nuova fase di lavoro che da Strategia diventa Piano d’azione. Nell’approccio proposto, la partecipazione dei cittadini è stata l’elemento innovativo capace di fare la differenza. La Sovrintendenza ha sottolineato come Camerino sia l’unica città in cui, grazie a questo lavoro,
esiste un Piano strategico di ricostruzione condiviso; tutti gli attori si sono detti disponibili e pronti ad andare avanti attraverso il confronto con gli abitanti.
Ora, la domanda che ci poniamo è: come mai da qui si arriva all’ordinanza emanata da Errani?
DSC_0406

 

Considerando questa esperienza specifica, che il Commissario e tutto il suo staff conoscono bene; considerando le esperienze pregresse di Errani che è stato Presidente della Regione Emilia Romagna, dove la Legge sulla Partecipazione c’è, dove il concetto di Bene Comune è radicato; considerando anche il fatto che il Ministero delle Infrastrutture lavora sul Dibattito Pubblico, strumento importante di partecipazione, che il Ministero per la Semplificazione ha emanato un Decreto sulla consultazione dei cittadini; considerando tutto questo: come si arriva a un’ordinanza che riduce la partecipazione all’invio di proposte individuali con strumenti telematici, che la partecipazione la imbriglia e la contingenta, come segnala anche Luigi Bobbio su www.lavoce.info?

Bobbio sintetizza così la sostanza dell’ordinanza: “Cittadini e gruppi possono formulare proposte, ma solo entro 45 giorni della perimetrazione dei siti e devono inviarle esclusivamente per via telematica (articolo 3), una disposizione che, trattandosi per lo più di borghi di poche anime, appare quanto meno strana. Possono formulare osservazioni sui piani urbanistici e ambientali dei comuni, ma solo entro 10 giorni dalla loro adozione, che scendono a 7 se si tratta di osservazioni alle contro-decisioni della commissione permanente (articolo 4). A loro volta, i comitati istituzionali dovranno emanare entro 60 giorni un regolamento sulle modalità di partecipazione dei cittadini e, se non lo faranno (e possiamo facilmente prevedere che non lo faranno), dovranno provvedere le regioni nei successivi 45 giorni (articolo 2)”.

 

DSC_0475

 

Eppure, i presupposti e gli obiettivi inseriti nell’ordinanza sono assolutamente coerenti con l’idea di un processo partecipativo inclusivo. Vi si dice, e citiamo dal testo, che l’obiettivo è “adottare decisioni condivise ed idonee alla realizzazione delle esigenze dei cittadini, operando (…) attraverso modalità di ascolto e consultazione, nei Comuni interessati, degli operatori economici e della cittadinanza”, inoltre, e continuiamo a citare, si vuole assicurare “la massima celerità, efficacia ed efficienza degli interventi e delle iniziative”.

Perché si adotta, allora, una procedura che non sembra centrare l’obiettivo? A quali esigenze – della burocrazia, della politica, degli organi di governo – ha dato risposta la procedura scelta? È importante domandarselo, se vogliamo capire e provare a fare diversamente.

Come Ascolto Attivo, in occasione del Festival della Soft Economy, organizzato nel luglio scorso a Treia da Symbola, dove il progetto WSR Camerino è stato presentato, abbiamo dato la nostra disponibilità ad affiancare lo staff del Commissario per lavorare alla stesura dell’ordinanza. C’è bisogno di competenze di professionisti diversi per farlo bene: pubblici amministratori, esperti di normativa in materia, architetti e progettisti, facilitatori esperti di progettazione partecipata.

C’è bisogno anche del contributo di una facilitatrice esperta di comunicazione, di facilitazione linguistica (il discorso sull’Antilingua di Tullio De Mauro è sempre attualissimo), che faccia in modo che quanto elaborato sia comprensibile per chi deve partecipare. Altrimenti a cosa serve?

 

DSC_0371

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Progettare uno stadio a Roma o a Parigi: governance a confronto

06/07/2017
di Marianella Sclavi
Marianella Sclavi a colloquio con Ilaria Casillo Questo articolo è uscito su “Una città” Ilaria – Questo colloquio nasce dallo stupore nell’apprendere...
Marianella Sclavi a colloquio con Ilaria Casillo Questo articolo è uscito su “Una città” Ilaria – Questo colloquio nasce dallo stupore nell’apprendere dai giornali italiani della vicenda dello stadio di Roma e della maniera con la quale è stato deciso. Vivendo in Francia e lavorando in un’istituzione – la Commissione nazionale del dibattito pubblico (CNDP) – che... Read more »

Marianella Sclavi a colloquio con Ilaria Casillo
Questo articolo è uscito su “Una città”

Ilaria – Questo colloquio nasce dallo stupore nell’apprendere dai giornali italiani della vicenda dello stadio di Roma e della maniera con la quale è stato deciso. Vivendo in Francia e lavorando in un’istituzione – la Commissione nazionale del dibattito pubblico (CNDP) – che gestisce la partecipazione dei cittadini alle decisioni che riguardano grandi progetti di infrastrutture, mi è venuto naturale interrogarmi sul modo in cui (non) sono stati presi in considerazione i cittadini e i diversi portatori di interesse in un progetto cosi importante per una città capitale.

Il caso di Roma mi è apparso tanto più strano se si considerano le analogie che presenta con un progetto simile sul quale la Commissione ha lavorato. Infatti, negli stessi anni (2013-14) due grandi istituzioni sportive, la Associazione sportiva Roma Spa (AS Roma) in Italia e la Federazione Francese di Rugby (FFR ) in Francia, hanno deciso di perseguire la costruzione di un proprio “grande stadio” in linea con le esigenze sportive più moderne. Il primo di 60.000 posti, il secondo di 80.000, finanziati entrambi totalmente con fondi privati, comprese gran parte delle opere di adeguamento del sistema dei trasporti e di urbanizzazione e “riqualificazione” dei territori e quartieri circostanti. In entrambi i casi si è finito col scegliere come localizzazione dello stadio la zona di un ex ippodromo, una nel dipartimento di Essonne, a 33 km a sud dal centro di Parigi e l’altra nel quartiere Tor di Valle, a sud-ovest della città, tra il Grande raccordo anulare (GRA) e l’autostrada per l’aeroporto internazionale di Fiumicino. Quindi due importantissime “grandi opere” che avendo preso il via alla fine del 2013 / inizio del 2014 con la presentazione dei rispettivi piani di fattibilità alle autorità politiche locali e nazionali, hanno poi seguito percorsi di deliberazione e di partecipazione completamente diversi.

Marianella – La prima cosa che mi sorprende favorevolmente, leggendo i documenti illustrativi dei vari passaggi del procedimento di Dibattito Pubblico (DP) relativo allo stadio del Rugby è che sono redatti in linguaggio corrente supportato da foto, disegni, mappe tridimensionali, tabelle; in breve tutto ciò che serve per rendere più accessibile una tematica decisamente complessa. Questo richiede una specifica professionalità, una capacità comunicativa non comune, ad hoc. Da dove viene? Come è stata coltivata?

Ilaria – Nel caso dello stadio del Rugby, come in tutti i casi nei quali la Commissione indice un Dibattito pubblico, l’incarico di organizzare nel dettaglio tutta la procedura del Dibattito compresi i resoconti degli incontri e gli esiti finali del dibattito è stato assegnato a una particolare commissione, chiamata CPDP Commissione Particolare del Dibattito pubblico. In questo caso la commissione era formata da 7 persone: un presidente, tre donne e tre uomini, tutti esponenti della società civile. Nello specifico si trattava di una giornalista, un prefetto onoraria, una direttrice di agenzia a sostegno della imprenditorialità, un membro del Comitato Nazionale del Dibattito Pubblico (CNDP), un vice presidente del CNDP, un esperto in Agricoltura e politiche locali, un consulente nel campo della mediazione e concertazione. La CPDP non ha il diritto di redigere nulla riguardo al progetto. La particolarità consiste nel fatto che il Dossier di presentazione del progetto (chiamato DMO) è redatto dal proponente, ma è la CPDP prima, e poi la CNDP in seduta plenaria, che devono approvarlo se lo ritengono sufficientemente chiaro, e se presenta il progetto in maniera accessibile, intelligibile e completa. Questo significa che concretamente si fa un lavoro in concerto col proponente affinche rediga un buon documento. Il DP risponde a una logica precisa: aprire ai cittadini ogni aspetto del progetto e discuterne attraverso un metodo che è stato elaborato e che è gestito da un terzo che non è parte in causa, cioè né cittadino interessato né il proponente né il decisore politico

Marianella – Quindi possiamo affermare che le persone che fanno parte dei comitati particolari e del comitato nazionale dovrebbero avere fra le loro competenze quella di saper comunicare situazioni complesse in un linguaggio corrente, comprensibile ai normali cittadini

Ilaria – Hai fatto bene a dire “dovrebbero” perché in realtà non è sempre così, il dominio degli specialisti e relativi gerghi è duro a morire anche in Francia. Ma nel caso dello stadio del Rugby ha funzionato direi molto bene.

Marianella – Però, stante che lo scopo è coinvolgere i normali cittadini, chi si impegna nella chiarezza espositiva non potrà essere accusato – come non di rado avviene da noi – di sminuire l’autorevolezza dei rituali, di voler fare “il maestrino o la maestrina”.

Ilaria – Infatti nel DP chi non sa usare un linguaggio più comprensibile tende a sentirsi colpevole, piuttosto che colpevolizzare. Ma vediamo di mettere le cose in prospettiva. Istituita con la legge Barnier del 1995, la Commissione Nazionale del Dibattito Pubblico è diventata con la legge sulla democrazia di prossimità del 2002 un’Autorità Amministrativa Indipendente formata da una pluralità di rappresentanze della società civile e degli Enti Pubblici, dagli ambientalisti ai sindacati ai rappresentanti delle diverse Corti (Consiglio di Stato, Cassazione, dei Conti.) La sua missione è garantire la partecipazione dei cittadini affinché il loro punto di vista sia preso in considerazione nei processi decisionali riguardanti i grandi progetti infrastrutturali e le grandi opere di interesse nazionale, prima che la decisione definitiva sia presa. Questo ha tre implicazioni fondamentali dal punto di vista della governance: primo che il potere politico si astiene dal decidere fino a completamento del percorso del dibattito pubblico, secondo che il processo è gestito da un organismo indipendente, neutrale e sottratto al prevalere di gerghi specialistici anche grazie a una forte presenza di esponenti della società civile e terzo che una amministrazione aperta, capace di dialogo è la risposta ai conflitti e alle crisi di legittimità che accompagna la decisione politica. Il principio che sottintende queste varie procedure partecipative è che più la decisione pubblica è condivisa con i cittadini e più essa è legittima. In questa visione, il potere pubblico non è più il solo depositario e interprete dell’interesse generale, ma lo deve negoziare di volta in volta insieme ai cittadini e portatori di interesse.

Marianella – Vediamo se capisco. Nel processo deliberativo vengono distinte due fasi, la prima focalizzata sulla partecipazione aperta, pubblica, sistematica, di tutti gli interessati. In questa fase le rappresentanze del potere economico, politico, finanziario, insomma le elites del potere, non solo possono, ma debbono intervenire come parti in causa fianco a fianco e faccia a faccia con i comuni cittadini interessati, associazioni, enti e tutti gli altri. Questo è importante perché nei processi partecipativi che si svolgono correntemente in Italia, i poteri forti si guardano bene dal partecipare sullo stesso piano di tutti gli altri. Terminata questa fase, e poi vedremo con quali passaggi e modalità, si apre quella più strettamente decisionale in cui i poteri forti, le elites del potere, con al centro il potere politico, prendono le relative decisioni.

croqhd2jawrawgammbzo

 

Ilaria – Il DP è – al fondo – un incontro dialogico diretto fra poteri forti e comuni cittadini promosso dal potere politico e garantito da una autorità terza. I poteri forti se vogliono mettere in atto un progetto di grande opera devono proporlo non solo ai rappresentanti del potere politico, ma direttamente anche a coloro le cui vite verranno toccate dal progetto. Al termine del percorso, la commissione redige e trasmette a tutti il “Rapporto finale del dibattito pubblico” accompagnato da alcune raccomandazioni che sottolineano gli aspetti critici emersi dal dibattito stesso, e a questo punto i decisori sono liberi di prendere decisioni anche diverse da quelle emerse dal DP, purché ne motivino le ragioni.

Marianella – Nel caso del grande stadio del rugby, come si è sviluppato questo percorso?

Ilaria – La Commissione Nazionale ha nominato la sottocommissione alla quale ho accennato in precedenza, la quale ha preso contatto in prima istanza con tutti i decisori già mobilitati, la FFR , l’imprenditore e costruttore, gli enti locali che si erano offerti di ospitare lo stadio.

Marianella – In che senso “si erano offerti “?

Ilaria – Per definire la localizzazione la FFR ha emesso un avviso pubblico con richiesta ai territori della grande cintura di Parigi interessati ad ospitare lo stadio di farsi avanti e fra le nove proposte emerse, ha scelto la zona dell’ex ippodromo nel dipartimento di Essonne. Questa scelta ha comportato incontri con le amministrazioni locali interessate e scambio dei reciproci desiderata e vincoli di cui tener conto nella elaborazione del progetto.

Marianella – In italia una impresa privata (come la Roma Spa) con un progetto che non prevede il finanziamento pubblico non può ricorrere a un bando pubblico per manifestazione di interesse. In questo caso l’impresa ha dato l’incarico a uno studio specializzato per una analisi comparativa delle possibili localizzazioni e alla fine, guarda caso, l’area prescelta è di proprietà di uno dei proponenti del progetto, il costruttore Luca Parnasi .

Ilaria – In Francia il proponente o proponenti del progetto, sapendo che questo dovrà passare per l’esame critico del Dibattito Pubblico è costretto a una estrema trasparenza e chiarezza fin dalla fase istruttoria. Solo una volta che il documento di progetto è stato approvato dalla commissione particolare e da quella nazionale, si può avviare il dibattito. Poi – come già detto – si tratta di organizzare gli incontri tra i cittadini, il proponente e tutti gli altri attori coinvolti (in base al progetto discusso: attori economici, politici, culturali, associativi, sindacali etc.), di chiedere, se è il caso, degli studi di fattibilità o previsionali alternativi rispetti a quelli presentati dal proponente etc. I membri della commissione particolare hanno il dovere di fissare l’attenzione sulle “zone di incertezza” del progetto che emergono dal dibattito, di prefigurarne le alternative e la massima trasparenza e discussione di tutti i vincoli e le caratteristiche del progetto: finanziari, giuridici, urbanistici, ambientali. Tutto questo crea molto spesso un clima di ascolto, sereno, autentico e attivo tra i cittadini, l’autorità che gestisce il processo partecipativo e il proponente

Marianella – L’espressione “ ascolto sereno, autentico e attivo”, trasposta nel contesto italiano, mi fa sorridere. Da noi il processo decisorio è quanto di più ansiogeno si possa immaginare. Dalle interviste ad alcuni dei decisori implicati nella faccenda dello stadio della Roma, ho avuto l’impressione che si sentissero in continuo pericolo di essere colti in fallo, di aver trascurato qualche “previo” passaggio che bloccherebbe tutto. La dimensione progettuale che è dominante nel DP francese, da noi è totalmente subalterna alla logica dei regolamenti giuridici e alla molteplicità di fonti di autorizzazione che operano in modo ampiamente indipendente fra loro. In questo clima di costante insicurezza, ogni decisore (sindaco o assessore) ha bisogno di un proprio circuito amicale, di persone e professionisti di cui si fida (i famosi “cerchi magici”) e di non inimicarsi i guardiani dei “regolamenti”. L’idea che la governance possa funzionare meglio se sottratta a questi “gate-keepers” è assente e c’è un vuoto di idee su procedure alternative. Nel caso dello stadio di rugby, come si è proseguito?

Ilaria – La sotto-commissione in accordo con tutti gli interessati ha stabilito un calendario di incontri. Le riunioni fondamentali sono state sette ognuna in una località diversa del territorio interessato all’intervento. Ogni riunione si è aperta con una presentazione generale del progetto e ha proseguito con l’approfondimento di una tematica specifica, particolare. La maggior parte di queste riunioni si possono seguire anche in streaming su Internet e vengono trascritte sull’apposito sito internet del dibattito, dove chi è interessato può aggiungere commenti, domande, proposte. Le tematiche hanno riguardato i rapporti fra grande stadio e il territorio circostante, la quantità e complementarietà degli stadi già esistenti nell’Ile de France, la varietà di attività che lo stadio potrebbe/dovrebbe offrire, il sistema dei trasporti, chi paga cosa, l’economia del grande stadio e gli impegni degli enti pubblici, il ruolo del gioco del rugby in Francia, il tessuto urbano circostante e i risvolti ambientali del progetto. A questi sette incontri se ne sono affiancati parecchi altri su iniziativa di associazioni locali e studentesche.

Marianella – Una obbiezione ricorrente in Italia è che i processi partecipativi durano troppo, fanno perdere tempo ai decisori.

Ilaria – Innanzitutto si pensa troppo spesso al tempo speso per la partecipazione e non a quello perso per dover recuperare dei vuoti partecipativi che poi finiscono per bloccare i progetti a causa di opposizioni forti e radicali. La partecipazione in questo senso, permette di guadagnare tempo perché alcuni conflitti vengono anticipati e gestiti. Un Dp dura in media dai 4 ai 6 mesi, durante i quali “si fermano i giochi”, nel senso che nessuna decisione politica e amministrativa può essere presa sul progetto. Nel caso dello stadio del rugby, il dibattito pubblico è iniziato ufficialmente il 28 novembre 2013 e il “Rapporto finale del dibattito pubblico” è stato consegnato il 21 febbraio 2014. E i decisori hanno comunicato e argomentato la loro decisione definitiva prima della fine del 2014. Quindi abbastanza celermente.

Marianella. In Italia, a Roma, dove un processo partecipativo analogo per ora non ce lo sogniamo neppure,i tempi sono stati tre volte più lunghi, da fine 2013 a marzo 2017 (ma ho seri dubbi che sarà l’ultimo step) e specialmente tutto è proceduto in modo molto più intricato, pasticciato, nonché oneroso. Il progetto “definitivo” è stato consegnato al commissario di Roma Capitale e alla Regione Lazio a fine maggio 2016 ed è composto di una relazione di 7041 pagine corredata da 567 allegati e 50.000 pagine di relazioni specialistiche. La quantità e peso delle carte prodotte è inversamente proporzionale al loro effettivo peso politico. Italia Nostra in una sua denuncia sostiene che le carte occupano una stanza di 25 mq.

Ilaria – Chiedo: a chi spetta l’incarico (per non dire chi ha il tempo) di leggere ed esaminare tutte queste carte?

Marianella – Come disse Flaiano, “La situazione politica in Italia è grave, ma non è seria”. Nessuno ha mai letto quei documenti e a parte forse qualche tesi di laurea, nessuno li leggerà. Si potrebbe sostenere che l’iter deliberativo romano è stato penalizzato da tre passaggi di mano del governo della città: giunta Marino dal 2013 ad ottobre 2015, poi commissario prefettizio dal 2015 al giugno 2016 e quindi l’attuale giunta 5 stelle con Raggi sindaca. Però i quintali di carte sono la conseguenza di come la giunta Marino ha affrontato il problema, per cui, nel sancire il pubblico interesse per l’insediamento dello stadio a Tor di Valle poco prima della defenestrazione del sindaco, ha elencato una tale quantità di condizioni / cambiamenti al progetto iniziale che, seppure negoziate in precedenza con i proponenti, hanno richiesto ognuna una incredibile quantità di ulteriori attestati e studi specialistici per ovviare possiibli ulteriori obiezioni delle varie branche burocratiche, conferenza dei servizi, ecc. Poi con la giunta Raggi la discussione è rimasta su un piano da spot pubblicitari: stadio sì, stadio no, a Tor di Valle sì, a Tor di Valle no e così via, in un turbinio di opinioni la cui autorevolezza dipende unicamente dal peso politico di chi la sostiene. Alla fine gli stessi “grillini” romani, la base organizzativa dei 5 stelle, erano divisi in vari schieramenti e la sindaca dice: “Basta, mi avete votato, adesso decido io.” E ha negoziato con i proponenti una serie di modifiche alle modifiche proposte dalla giunta precedente sulle quali non mi soffermo, ma che comunque devono ancora passare al vaglio della Conferenza dei Servizi della Regione Lazio, per cui niente è ancora sicuro. Si vedrà.

Ilaria – Direi che questo taglia le gambe a chi sostiene che i processi patecipativi fanno perdere tempo!

 

images

 

Marianella – In mancanza di una validazione partecipativa, in Italia il circuito decisionale rimane impigliato e prigioniero da un lato della litigiosità delle parti politiche e dall’altro del moltiplicarsi degli accertamenti burocratici. Questo, oltre tutto, fa sì che quando si arriva al momento di prendere delle decisioni, per esempio nei Consigli Comunali, queste sono espresse in un linguaggio retorico completamente avulso dal mondo attuale, che viene vissuto come strumento di elevazione al di sopra delle parti e dimostrazione di autorevolezza del potere. La domanda è: una decisione presa sulla scorta di un processo partecipativo come il DP, comporta un cambiamento anche del linguaggio più strettamente giuridico degli organi decisori politici? Per farti capire cosa intendo ti faccio un esempio. Quelle che seguono sono le prime sette righe del documento (Deliberazione n. 48) col quale la Giunta Capitolina, in data 30/03/2017, ha dichiarato di pubblico interesse la realizzazione dell’intervento urbanistico denominato “progetto Nuovo Stadio della Roma”. Eccole:

“Premesso che in data 1mo gennaio 2014 è entrata in vigore la legge 27 dicembre 2013 n 147 che stabilisce al comma 304, quanto segue:

Al fine di consentire, per gli impianti di cui alla lettera c) del presente comma, il più efficace utilizzo, in via esclusiva, delle risorse del Fondo di cui al comma 303, come integrate dal medesimo comma, nonché di favorire comunque l’ammodernamento o la costruzione di impianti sportivi, con particolare riguardo alla sicurezza degli impianti e degli spettatori, attraverso la semplificazione delle procedure amministrative e la previsione di modalità innovative di finanziamento” ( sottolineature mie )

e così via per le seguenti 11 pagine, che precedono la delibera vera e propria. È la sopravvivenza di rituali comunicativi che Italo Calvino 50 anni fa ha chiamato “l’anti-lingua” e che come si vede non sono molto mutati nel frattempo.

Ilaria – Sono assolutamente d’accordo con te. La pratica in Francia è completamente diversa perché il proponenete entro tre mesi dalla chiusura del DP deve pubblicare una decisione motivata ma soprattutto chiara e comprensibile che spieghi cosa si è deciso e perché.

Marianella – Un’altra obbiezione tipica italiana è relativa ai costi: quanto è costato il percorso di Dibattito Pubblico per lo stadio del Rugby?

Ilaria – Le commissioni particolari per il loro impegno non ricevono uno stipendio, ma delle indennità calcolate in base al numero di riunioni organizzate, al tempo dedicato alla preparazione del dibattito e alla redazione del rapporto finale. Nel caso dello stadio di Rugby a fronte ad un investimento totale, complessivo previsto che si aggirava sui 600 Milioni di euro, le spese complessive per informazione e organizzazione della partecipazione sono state 870.000 di cui 383.000 euro per informazioni e comunicazione e mobilizzazione, compresi 170.000 euro per le indennità e spese della commissione. Il resto era destinato alla logistica, al funzionamento delle permanenze e dei punti di informazione, agli streaming, al sito internet, etc. Infine va sottolineato che sono i proponenti economici del progetto che si fanno carico della gran parte dei costi del processo partecipativo.

Marianella – Personalmente mi sembra un costo molto equo, anzi un grande affare per chi ci tiene davvero al bene pubblico. È possibile fare un bilancio delle principali esperienze di Dp praticate in Francia negli ultimi 20 anni?

Ilaria – La legge del DP stabilisce che tutti i progetti che rientrano nel codice dell’ambiente e che hanno un costo uguale o superiore a 300 milioni di € devono essere obbligatoriamente segnalati e presentati a un’Autority indipendente (la Commissione Nazionale del Dibattito Pubblico – Cndp) che decide se attivare una procedura di dibattito pubblico (DP) o un’altra procedura di partecipazione dei cittadini, come la concertazione. Da quando è stata creata nel 1995 la Cndp, ha disposto e oganizzato 78 dibattiti pubblici su casi relativi a infrastrutture ferroviarie o stradali, centrali elettriche e nucleari e anche numerosi progetti di impianti sportivi.

Marianella – Come si è conclusa la decisione relativa allo stadio del rugby?

Ilaria – In questo caso alla fine il proponente alla luce di quanto emerso ha deciso di rinunciare alla realizzazione dell’opera. Una decisione che è stata presa sulla base di informazioni e considerazioni molto articolate e approfondite rese possibili proprio dal processo di partecipazione e di coinvolgimento dei cittadini.

Marianella – Puoi farci una sintesi di queste considerazioni?

Ilaria – Le indicazioni che questa esperienza di DP ha fornito ai decisori riguardano quattro tematiche che hanno catalizzato l’interesse dei cittadini e che sono state spesso indicate come problematiche. La localizzazione: lo stadio avrebbe dovuto essere impiantato alla periferia della città di Ivry, si sarebbe dovuto investire, con fondi pubblici, in modo serio sull’ampliamento del trasporto ferroviario, in particolare della linea RER D (il che avrebbe comportato la sua interruzione per un tempo troppo lungo se si pensa alla sua altissima frequentazione). L’accessibilità e la reale disponibilità dei poteri pubblici a finanziare l’ampliamento della rete di trasporti hanno rappresentato una vera questione cruciale. Il dibattito ha permesso di porsi la domanda: la localizzazione alla periferia della città di Ivry è davvero quella giusta? Sviluppo economico e turistico: lo stadio così come proposto sarebbe stato impiantato troppo fuori dal centro città che dunque non avrebbe potuto beneficiare delle ricadute economiche e turistiche dei visitatori, in particolare stranieri (i due terzi del pubblico delle partite di rugby in Francia è composta dalle squadre avversarie straniere). In UK ad esempio gli stadi sono quasi tutti in centro città. In questo caso, non ci sarebbe stato quindi quasi nessun aumento dell’attrattività di Ivry, nessuna riflessione è stata condotta dal proponente e dai suoi partner su come trasformare un oggetto sportivo in un oggetto turistico e un volano di sviluppo. Soglia di rendimento dello stadio: il dibattito ha mostrato meglio come lo stadio fosse destinato soprattutto a un pubblico di fascia medio-alta. La capitalizzazione degli investimenti inoltre era di difficile dimostrazione. Bisogno di un secondo stadio: i giocatori di rugby utilizzano già lo stadio di Saint-Denis, i cittadini si sono chiesti quindi se non si potevano migliorare le condizioni di affitto e di uso dello stadio già esistente piuttosto che di costruirne uno nuovo con diversi inconvenienti. Il bisogno reale di un secondo stadio è stato quindi davvero rimesso in discussione.

Marianella – Sia che si decida a favore di un progetto che contro, un grande vantaggio di un metodo come il DP è che fornisce solide basi alla decisione, sganciate da contrapposizioni ideologiche. Se la giunta Marino (Pd) avesse adottato un approccio del genere, sarebbe stato molto più difficile per la giunta successiva (5 stelle) pretendere di ricominciare da zero per poi arrivare a una decisione che ricopia il progetto precedente dimezzandolo. Inoltre l’assessore all’urbanistica della giunta Marino, Caudo, aveva favorito la nascita di un Osservatorio composto dai comitati dei quartieri più direttamente interessati i quali avevano svolto un ruolo prezioso di traduzione in linguaggio corrente dell’intero progetto e di raccolta di critiche e proposte integrative. Anche questo Osservatorio è stato totalmente ignorato dalla nuova giunta, che evidentemente lo vede come la lunga mano di quella precedente.

Ilaria – Le esperienze a confronto del dibattito pubblico sullo stadio di rugby e sulla mancata partecipazione dei cittadini sullo stadio di Roma invitano a due considerazioni in particolare: prima di tutto che dietro a un’infrastruttura turistica sportiva di trasporti etc. si gioca ben altro che il “semplice progetto”. Ci sono di mezzo le interazioni col territorio, e delle concezioni dello sviluppo economico e sociale e progetti di mobilità. Si tratta di esplicitare le ricadute territoriali del progetto nel medio e lungo periodo, alle quali i cittadini possono non aderire. Un’infrastruttura in questo senso è un “atto politico” di cui i cittadini, e questa è la seconda considerazione, hanno il diritto di discutere. La mancanza di un confronto serio coi cittadini sulle grandi opere rinvia quindi non solo a un vuoto di legittimità della decisione ma prima di tutto a un vuoto democratico destinato ad allargarsi e a toccare altre sfere della vita pubblica.

 

casillo_pillonIlaria Casillo con Andrea Pillon a Forum PA 

Ilaria Casillo, dal 2015 è vicepresidente della Commissione Nazionale del Dibattito Pubblico francese (CNDP). è professore associato alla Facoltà di Urbanistica Università Paris Est Marne-la-Vallée. È stata membro dell’Autorità di garanzia e promozione della partecipazione della Regione Toscana in Italia.

Marianella Sclavi, fondatrice di Ascolto Attivo, ha insegnato Etnografia Urbana al Politecnico di Milano dal 1993 al 2008. È  una pioniera delle esperienze di democrazia partecipativa. Su questo tema ha pubblicato vari testi, fra i quali con Lawrence Susskind (MIT): Confronto creativo. (2011/2016). 

I commenti sono chiusi.

Workshop Ricostruzione Camerino

13/07/2017
di Agnese Bertello
Mario Cucinella Architects e School of Sustainability sono stati chiamati dal Commissario per la Ricostruzione, Vasco Errani, e dal sindaco...
Mario Cucinella Architects e School of Sustainability sono stati chiamati dal Commissario per la Ricostruzione, Vasco Errani, e dal sindaco di Camerino, Gianluca Pasqui, a elaborare delle linee guida strategiche per la ricostruzione di Camerino dopo il terremoto del 2016. Alla base del progetto Workshop Ricostruzione Camerino, l’idea che la ricostruzione possa rivelarsi un’occasione di... Read more »

Mario Cucinella Architects e School of Sustainability sono stati chiamati dal Commissario per la Ricostruzione, Vasco Errani, e dal sindaco di Camerino, Gianluca Pasqui, a elaborare delle linee guida strategiche per la ricostruzione di Camerino dopo il terremoto del 2016. Alla base del progetto Workshop Ricostruzione Camerino, l’idea che la ricostruzione possa rivelarsi un’occasione di rilancio, di sviluppo e crescita, per fare meglio e non semplicemente tornare a “com’era prima”.
Questa strategia poggia anche sulla necessità di coinvolgere in maniera concreta gli abitanti di cittadini, chiamandoli a prendere parte a un percorso di vera co-progettazione che ridefinisca il futuro della città.

Ascolto Attivo ha lavorato insieme al team di progetto mettendo a punto e coordinando 4 laboratori che hanno consentito di elaborare una vision condivisa da parte degli abitanti per il futuro della città, di ragionare concretamente sugli interventi organici, sull’intera città, e specifici di ogni porzione di essa (unità urbana), puntando a creare dei gruppi di lavoro operativi, composti da abitanti e tecnici, concretamente impegnati nel portare avanti il progetto della ricostruzione.

I commenti sono chiusi.