La ‘ndrangheta, le massonerie deviate, l’insipienza e la corruzione politica hanno prodotto in Calabria un fallimento inequivocabile, reso ancora più insopportabile dalla crisi e dai progressivi tagli alle risorse pubbliche. Proprio per questa ragione, la Comunità Progetto Sud e GOEL hanno ritenuto che fosse arrivato il momento di attivarsi insieme ai calabresi per esprimere una partecipazione più diretta e responsabile al cambiamento e al riscatto della Calabria.

Per questo è nato il progetto “riCalabria”, promosso da Comunità Progetto sud e dalla Cooperativa Goel e sostenuto dalla Fondazione Charlemagne onlus, che vuole far emergere nuove strade per il cambiamento e il riscatto della Calabria, attraverso l’individuazione di un nuovo modello di governance, che vede protagonista la società civile e i cittadini.

Un grande progetto di animazione sociale territoriale, in tutta la regione, che vuole raccogliere stimoli, proposte e adesioni a partire da tre domande:

  • Cosa vuoi cambiare in Calabria?
  • Quali proposte di cambiamento pensi siano praticabili?
  • Cosa sei disposto a fare per la loro attuazione?

Marianella Sclavi fa parte del gruppo di esperti chiamati a sostenere il progetto, fornendo contributi scientifici e progettuali. A Marianella Sclavi è stato affidato il compito di delineare la strategia partecipativa del progetto, formare alla progettazione partecipata e alla democrazia deliberativa tutti gli animatori e lo staff del progetto, affiancare gli operatori nell’attività di coinvolgimento e animazione territoriale.