Associazione Circola

Officina della partecipazione e della creatività

07/11/2019
di Agnese Bertello
L’Officina della partecipazione e della creatività è un progetto sviluppato dall’Associazione Circola, di cui Ascolto Attivo è socio fondatore, in...
L’Officina della partecipazione e della creatività è un progetto sviluppato dall’Associazione Circola, di cui Ascolto Attivo è socio fondatore, in collaborazione con l’IIS Cremona e finanziato da Fondazione Cariplo. Il progetto prevede la riqualificazione della ex biblioteca di uno di una delle due scuole che costituiscono l’Istituto (Liceo Cremona e Istituto Tecnico Zappa). La struttura,... Read more »

L’Officina della partecipazione e della creatività è un progetto sviluppato dall’Associazione Circola, di cui Ascolto Attivo è socio fondatore, in collaborazione con l’IIS Cremona e finanziato da Fondazione Cariplo.

Il progetto prevede la riqualificazione della ex biblioteca di uno di una delle due scuole che costituiscono l’Istituto (Liceo Cremona e Istituto Tecnico Zappa). La struttura, abbandonata da un decennio, si trova nel cortile che unisce i due plessi, aspetto che le garantisce una buona autonomia e accessibilità.
Obiettivo del progetto non è solo la riqualificazione delle strutture, ma soprattutto la massa a fuoco di una visione, di un nuovo immaginario per questo luogo: spazio per il confronto e il dialogo tra la comunità scolastica e il territorio, esperienza di protagonismo degli studenti e di cittadinanza attiva.

Ascolto Attivo ha curato la progettazione partecipata che ha visto protagonisti gli studenti (1.500), insegnanti, genitori, istituzioni e attori del territorio. Tra aprile e giugno si sono susseguiti incontri, laboratori, open space technology... A ottobre l’attività è ripresa con l’organizzazione della Due giorni di coprogettazione per l’Officina in cui tutti e 1.500 i ragazzi sono stati coinvolti affrontando temi diversi, dalla gestione, alla riqualificazione degli spazi, dalla rete con il territorio ai servizi per la biblioteca, dai patti di collaborazione alla banca del tempo…

Oltre ai 1500 ragazzi, la “Due giorni” ha coinvolto 27 facilitatori, 30 tra esperti e attori del territorio, 63 insegnanti referenti del progetto e tutto lo staff della scuola. L’iniziativa sarà presentata durante Milano Partecipa, evento organizzato dall’assessorato alla partecipazione dal 22 al 24 novembre.

I commenti sono chiusi.

Benvenuti a casa!

11/09/2018
di Agnese Bertello
Ognuno cresce solo se sognato, diceva Danilo Dolci. Noi crediamo che valga anche per i luoghi. E’ la nostra capacità...
Ognuno cresce solo se sognato, diceva Danilo Dolci. Noi crediamo che valga anche per i luoghi. E’ la nostra capacità di vedere i luoghi con occhi di nuovi, di desiderarli diversi, di costruirci intorno un immaginario nuovo che ci consente di avviare un percorso di rigenerazione vera, di costruzione di un bene comune. Per questo,... Read more »

Ognuno cresce solo se sognato, diceva Danilo Dolci. Noi crediamo che valga anche per i luoghi.

E’ la nostra capacità di vedere i luoghi con occhi di nuovi, di desiderarli diversi, di costruirci intorno un immaginario nuovo che ci consente di avviare un percorso di rigenerazione vera, di costruzione di un bene comune.

Per questo, vi invitiamo a partecipare a un momento molto importante: una festa per un luogo che rinasce grazie alla passione, alla capacità di sognare di tante persone. Sabato 15 settembre il Comitato Molise 5, l’associazione Circola, di cui Ascolto Attivo è socio fondatore, e il Comune di Rozzano, firmano il patto di collaborazione per la gestione temporanea del bene. Un risultato importante cui si è arrivati dopo un lungo percorso di progettazione partecipata che ha visto coinvolti tantissimi attori del territorio: cittadini, associazioni, terzo settore, amministrazione, scuole, biblioteche… Un risultato che è anche un nuovo inizio per un progetto dedicato alla città e alla costruzione di nuovi legami che con questo patto prende il via.

Si tratta del primo patto di collaborazione in Italia che riguarda un bene confiscato e lo trasforma in un bene comune. Con noi ci sarà Salvatore Borsellino per un ricordo speciale di Rita Borsellino.BENVENUTI (2)

I commenti sono chiusi.

In ascolto

31/05/2018
di Agnese Bertello
Martedì 5 giugno, dalle 18.00, presso la Stecca 3.0, via De Castilla 26 a Milano, inaugurazione della mostra fotografica e avvio...
Martedì 5 giugno, dalle 18.00, presso la Stecca 3.0, via De Castilla 26 a Milano, inaugurazione della mostra fotografica e avvio di un ciclo di incontri a partire dalle inchieste fotografiche di Filippo Romano. Presentazione del libro “Territori dell’abusivismo. Un progetto per uscire dall’Italia dei condoni” (Donzelli Editore) con Francesco Curci (politecnico di Milano), Enrico Formato... Read more »

Martedì 5 giugno, dalle 18.00, presso la Stecca 3.0, via De Castilla 26 a Milano, inaugurazione della mostra fotografica e avvio di un ciclo di incontri a partire dalle inchieste fotografiche di Filippo Romano.

Presentazione del libro “Territori dell’abusivismo. Un progetto per uscire dall’Italia dei condoni” (Donzelli Editore) con Francesco Curci (politecnico di Milano), Enrico Formato (Università Federico II di Napoli), Federico Zanfi (Politecnico di Milano), Isabella Inti, Filippo Romano.

Tavola rotonda con Lorenzo Lipparini (ass. partecipazione Comune di Milano), Veronica Dini (ass. Circola), Agnese Bertello (Ascolto Attivo), Arturo Lanzani (Politecnico di Milano), Carlo Gallelli (Tempo Riuso).

 

I commenti sono chiusi.

Verso via Espinasse

12/04/2018
di Agnese Bertello
Il progetto “Dopo le mafie”, promosso e gestito dall’Associazione Circola – Cultura, Diritti, Idee in movimento, di cui Ascolto Attivo...
Il progetto “Dopo le mafie”, promosso e gestito dall’Associazione Circola – Cultura, Diritti, Idee in movimento, di cui Ascolto Attivo è socio fondatore, arriva a Milano. Il 16 aprile, alle ore 14.30, nel CAM di via Lessona, raccontiamo l’esperienza nei comuni della provincia di Milano – Rozzano, Rho e Pero – dove il progetto è... Read more »

Il progetto “Dopo le mafie”, promosso e gestito dall’Associazione Circola – Cultura, Diritti, Idee in movimento, di cui Ascolto Attivo è socio fondatore, arriva a Milano. Il 16 aprile, alle ore 14.30, nel CAM di via Lessona, raccontiamo l’esperienza nei comuni della provincia di Milano – Rozzano, Rho e Pero – dove il progetto è già in fase avanzata, e mettiamo le basi per il percorso che sta partendo a Milano dove lavoreremo su un piccolo appartamento all’interno di un condominio in viale Espinasse 106.
All’incontro parteciperanno i protagonisti di questi progetti – rappresentanti delle istituzioni, dei cittadini, delle scuole e delle biblioteche coinvolte -, così come i protagonisti di esperienze analoghe, sviluppate in altre parti del nostro territorio. Con loro, Lorenzo Lipparini, Assessore alla partecipazione del Comune di Milano, e Simone Zambelli, Presidente del Municipio 8 del Comune di Milano.

 

 
30411799_2029975373988675_6880471826472894464_n

I commenti sono chiusi.

Dopo le mafie

11/04/2017
di Agnese Bertello
L’Associazione Circola, di cui Ascolto Attivo è tra i soci fondatori, ha ideato e condotto il progetto Dopo le mafie,...
L’Associazione Circola, di cui Ascolto Attivo è tra i soci fondatori, ha ideato e condotto il progetto Dopo le mafie, per la valorizzazione e la gestione partecipata dei beni confiscati alla criminalità organizzata. Alla base del progetto, da un lato, l’idea che un bene confiscato sia un bene comune e che come tale possa essere... Read more »

L’Associazione Circola, di cui Ascolto Attivo è tra i soci fondatori, ha ideato e condotto il progetto Dopo le mafie, per la valorizzazione e la gestione partecipata dei beni confiscati alla criminalità organizzata.

Alla base del progetto, da un lato, l’idea che un bene confiscato sia un bene comune e che come tale possa essere oggetto di specifici patti di collaborazione; dall’altro, la consapevolezza che per un Comune, gestire in maniera produttiva un bene confiscato alla criminalità, restituendolo, come prevede la legge, alla comunità è un processo complesso. Obiettivo del progetto era dunque l’affiancamento dei comuni che aderivano al progetto –  Milano, Rozzano, Rho e Pero – da molteplici punti di vista: un affiancamento tecnico-giuridico, curato da un team di avvocati e notai, per sbrogliare la matassa spesso ingarbugliata che impedisce che questi beni tornino alla comunità, ma anche la creazione e il coordinamento di un percorso di progettazione partecipata che coinvolgesse l’intera cittadinanza e portasse a elaborare una proposta di riutilizzo del bene confiscato. Il progetto prevedeva inoltre un coinvolgimento concreto delle scuole e delle biblioteche del territorio, intese come hub culturale, promotori di una nuova cultura della cittadinanza e della legalità.

Ascolto Attivo ha curato in particolare i processi partecipativi legati alla definizione di usi possibili degli spazi, favorendo la nascita di nuovi organismi (associazioni, comitati…) in grado di portare avanti le idee progettuali emerse attraverso la sigla di patti di collaborazione con le rispettive amministrazioni comunali.

A Rozzano, il progetto ha riguardato la villetta di via Molise 5. Il percorso si è concluso con la sigla del patto di collaborazione tra il Comune di Rozzano e il Comitato Molise 5 che oggi promuove attività culturali, educative e aggregative per bambini, ragazzi e adulti.

A Milano, il progetto ha riguardato invece un piccolo appartamento all’interno di un condominio in via Espinasse. In questo caso, il percorso ha inteso coinvolgere innanzitutto gli inquilini del condominio; con l’associazione che li riunisce, il Comune di Milano ha siglato un patto di collaborazione per la creazione di una biblioteca condominiale e di quartiere all’interno dell’appartamento.

I commenti sono chiusi.