FORSU

BiopiattaformaLab

11/02/2019
di Agnese Bertello
Agnese Bertello ha ideato e condotto con Nimby Forum e Beulcke + Partners il percorso partecipativo “Biopiattaformalab”. Il percorso, voluto dai...
Agnese Bertello ha ideato e condotto con Nimby Forum e Beulcke + Partners il percorso partecipativo “Biopiattaformalab”. Il percorso, voluto dai Comuni di Sesto San Giovanni, Cologno Monzese, Cormano, Pioltello e Segrate, e realizzato da Gruppo CAP e da Core, ha riguardato il progetto preliminare per la riconversione dell’attuale termovalorizzatore, che tratta rifiuti indifferenziati, in una biopiattaforma... Read more »

Agnese Bertello ha ideato e condotto con Nimby Forum e Beulcke + Partners il percorso partecipativo “Biopiattaformalab”.
Il percorso, voluto dai Comuni di Sesto San Giovanni, Cologno Monzese, Cormano, Pioltello e Segrate, e realizzato da Gruppo CAP e da Core, ha riguardato il progetto preliminare per la riconversione dell’attuale termovalorizzatore, che tratta rifiuti indifferenziati, in una biopiattaforma dedicata all’energia circolare, creando una sinergia innovativa tra il trattamento dei fanghi da depurazione e il trattamento della FORSU prodotta nei territori interessati.

L’obiettivo del percorso partecipativo è informare in maniera chiara e completa in merito al progetto; confrontarsi in maniera aperta e trasparente con il territorio, analizzando ragioni, caratteristiche, impatti e ricadute del progetto stesso; migliorare e arricchire il progetto, adattandolo al meglio al contesto in cui verrebbe realizzato.

Il percorso è ispirato nei suoi principi e nella sua organizzazione al Débat Public: il percorso infatti è stato condotto da un soggetto terzo rispetto a tutte le parti, autonomo nella scelta delle modalità di conduzione del processo, così come e nella rielaborazione finale del quadro delle opinioni e delle proposte emerse.

Completezza e trasparenza delle informazioni, rispetto e ascolto reciproco, approfondimento e indagine della complessità sono i principi cui il percorso si ispira.

Il percorso è articolato attraverso 5 diversi appuntamenti:

  • 1 incontro di presentazione delle caratteristiche generali del progetto,
  • 3 laboratori tematici dedicati ad approfondire aspetti specifici del progetto,
  • 1 incontro di chiusura in cui sarà presentato il documento di sintesi prodotto dalla coordinatrice.

I laboratori tematici sono stati dedicati rispettivamente agli aspetti strategici ed economici, agli aspetti ambientali e alle scelte tecnologiche, ai controlli e alle compensazioni. I laboratori hanno visto la partecipazione di esperti terzi, invitati da CAP.
L’ultimo incontro, il 22 gennaio 2019, è stato dedicato alla presentazione pubblica della Relazione finale della coordinatrice che ha evidenziato i punti di vista e le richieste emerse: a queste i proponenti sono chiamati a dare risposta formalmente.

Sul sito del percorso sono disponibili tutti i documenti tecnici relativi al progetto, i report dei singoli incontri, le presentazioni proposte.

Il 2 aprile Gruppo CAP ha presentato le risposte alle osservazioni e alle richieste emerse sia durante il percorso partecipativo sia attraverso la conferenza dei servizi preliminare.

Hanno facilitato i tavoli di lavoro: Cristina Rago, Francesca Schirillo, Andrea Michielon.

 

I commenti sono chiusi.

Impianti di compostaggio, ciclo dei rifiuti e autentica partecipazione

21/12/2018
di Agnese Bertello
Il 12 gennaio 2019, dalle ore 11.00, presso Auxilium  – Pontificia Facoltà di Scienze dell’Educazione, si terrà la mostra “Impianti...
Il 12 gennaio 2019, dalle ore 11.00, presso Auxilium  – Pontificia Facoltà di Scienze dell’Educazione, si terrà la mostra “Impianti di compostaggio, ciclo dei rifiuti e autentica partecipazione”. La mostra sarà aperta al pubblico dalle ore 11.00 alle ore 20,30. Alle ore 17,30 avrà luogo la visita guidata e discussione finale con i protagonisti del... Read more »

Il 12 gennaio 2019, dalle ore 11.00, presso Auxilium  – Pontificia Facoltà di Scienze dell’Educazione, si terrà la mostra “Impianti di compostaggio, ciclo dei rifiuti e autentica partecipazione”.

La mostra sarà aperta al pubblico dalle ore 11.00 alle ore 20,30. Alle ore 17,30 avrà luogo la visita guidata e discussione finale con i protagonisti del percorso: abitanti, esperti, rappresentanti dei municipi e del comune, rappresentanti di AMA

I contenuti di questa mostra sono stati pensati e realizzati con il contributo di tutti coloro che hanno seguito il percorso partecipativo (iniziato a settembre 2018) per i progetti per gli impianti di compostaggio di Casal Selce e Cesano: abitanti, esperti, amministratori del Comune e dei Municipi, tecnici di AMA, sotto la direzione delle facilitatrici di ASCOLTO ATTIVO.

È una mostra che racconta in maniera trasparente quello che è emerso e quello che abbiamo imparato da questo confronto, che evidenzia gli aspetti critici e che può servire a costruire un nuovo modello di progettazione e intervento per affrontare questa sfida vitale per il nostro futuro.

Locandina_Acolto Attivo-page-001

I commenti sono chiusi.

Percorso partecipativo impianti di compostaggio a Roma

03/10/2018
di Agnese Bertello
Ascolto Attivo è stata incaricata dal Comune di Roma e AMA di ideare e coordinare un percorso di progettazione partecipata...
Ascolto Attivo è stata incaricata dal Comune di Roma e AMA di ideare e coordinare un percorso di progettazione partecipata nei Municipi XIII e XV di Roma in merito alla realizzazione di 2 impianti di compostaggio dell’umido. Il 5 ottobre 2018 si è tenuta la Conferenza stampa che ha ufficializzato l’avvio del percorso che si... Read more »

Ascolto Attivo è stata incaricata dal Comune di Roma e AMA di ideare e coordinare un percorso di progettazione partecipata nei Municipi XIII e XV di Roma in merito alla realizzazione di 2 impianti di compostaggio dell’umido.

Il 5 ottobre 2018 si è tenuta la Conferenza stampa che ha ufficializzato l’avvio del percorso che si concluderà a gennaio 2019 con la consegna ad AMA delle Linee Guida, un documento finale, condiviso dai partecipanti, che elabora tutti i contenuti emersi in merito al tema della gestione della raccolta differenziata e della realizzazione degli impianti di compostaggio.

L’approccio proposto vuole creare un contesto in cui innanzitutto elaborare in maniera condivisa una visione sui temi dell’ambiente, dell’energia circolare, della gestione dei rifiuti, per poi passare ad affrontare nello specifico tutti gli aspetti legati al progetto, valutando criticità, alternative, proposte.

I primi incontri si sono tenuti il 22 (Municipio XIII) e il 23 ottobre 2018 (Municipio XV). Il secondo incontro del Municipio XIII, in merito al tema delle localizzazioni, si è svolto il 6 novembre alle ore 18,30 presso la sala polifunzionale del Parco della Cellulosa.  Il 16 novembre alle ore 14,30 i rappresentanti dei Comitati hanno guidato i cittadini e i rappresentanti delle istituzioni in un sopralluogo nei siti individuati. Nella stessa giornata, a partire dalle 18, presso la Sala polifunzionale del Parco della Cellulosa, si è tenuta la cabina di regia per l’organizzazione di una mostra multimediale sul tema degli impianti di compostaggio, la raccolta differenziata e la frazione organica dei rifiuti.

Il 1 dicembre 2018, presso l’Istituto Comprensivo Enzo Biagi, si è svolto un nuovo incontro nel Municipio XV: si è trattato di un incontro che ha consentito di ripercorrere la strada fatta nei due municipi e di lavorare alla progettazione della prossima mostra multimediale partecipata. Durante l’incontro, l’associazione Nova Galeria ha presentato una nuova proposta per la realizzazione di un impianto di compostaggio di dimensioni ridotte in una località diversa.

Il 12 gennaio 2019 si è svolta la mostra “Impianti di compostaggio, ciclo dei rifiuti e autentica partecipazione”. Una mostra multimediale partecipata realizzata con i contributi e le competenze di tutti coloro che hanno preso parte al percorso: abitanti, esperti, rappresentanti delle istituzioni e di AMA.

È una mostra che racconta in maniera trasparente quello che è emerso e quello che abbiamo imparato da questo confronto, che evidenzia gli aspetti critici e che può servire a costruire un nuovo modello di progettazione e intervento per affrontare questa sfida vitale per il nostro futuro.

I commenti sono chiusi.