Marianella Sclavi

La nuova leadership del Black Lives Matter e il cambiamento sistemico nell’assetto sociale e politico in atto negli USA

02/07/2020
di Marianella Sclavi
Le proteste BLM che hanno attraversato gli USA in questi ultimi mesi sono diverse da quelle che il movimento ha...
Le proteste BLM che hanno attraversato gli USA in questi ultimi mesi sono diverse da quelle che il movimento ha promosso negli anni. E la differenza non sta nel volume delle mobilitazioni né nella quantità di rivendicazioni.

Questo articolo è uscito su sbilanciamoci.info il 30 giugno 2020

Mentre erano in corso le elezioni che avrebbero visto JF Kennedy vincitore su Richard Nixon io stavo frequentando l’ultimo anno di liceo alla John Hopkins High School di Minneapolis. Nel corso di quell’anno, grazie principalmente a mio padre americano, che era un editor del Minneapolis Star and Tribune (1), ho avuto modo di visitare la democrazia americana nelle sue varie sfaccettature, dall’incontro con i giovani impegnati nel nascente movimento dei diritti civili che rischiando la pelle, andavano al sud a convincere i neri a iscriversi alle liste per avere il diritto di voto, al sistema di governo locale in cui i cittadini pagando le tasse decidevano anche largamente come sarebbero state spese, per es: se costruire un nuovo edificio scolastico o ampliarne uno esistente, quali attrezzature sportive e quale cura del verde, oltre al finanziamento della polizia locale e la definizione dei suoi compiti nello statuto della città, anch’esso discusso in varie sedi e alla fine approvato attraverso referendum.
Praticamente, a 16-17 anni conoscevo molto meglio il funzionamento della democrazia americana di quella italiana. L’élite intellettuale che la mia famiglia Usa frequentava considerava in generale il Minnesota (noto come “la terra dei mille laghi”), ma in particolare la città di Minneapolis, come quella in assoluto più open minded, più “socialdemocratica” degli Usa, abitata com’era da una grossa fetta della immigrazione dal nord Europa e in particolare dalla Svezia, polpettine svedesi ogni domenica.
Tutto questo per dire che quando quattro agenti della polizia di Minneapolis hanno ucciso per soffocamento George Floyd mentre era sotto la loro custodia, la cosa mi ha toccato personalmente in molti modi. Accanto all’orrore e al dispiacere, anche un senso di meraviglia, e invece nessuno stupore quando il consiglio comunale delle Twin Cities, Minneapolis e Saint Paul (MSP) ha deciso alla unanimità di sciogliere il corpo della polizia locale e il suo sindacato. Meraviglia: perché la polizia di Minneapolis è una con più fondi stanziati per addestramento in approcci e tecniche tese ad evitare episodi del genere. Nessuno stupore sul suo scioglimento: perché essere accusati di essere “i più razzisti” quando tutta la retorica identitaria è basata sulla fierezza dell’opposto, provoca facilmente una reazione del tipo: “Vi facciamo vedere noi”, di cosa siamo capaci.
Tutto questo ha fatto scattare il desiderio di capire meglio cosa sta succedendo, di contestualizzare questo episodio, raffrontandolo con situazioni analoghe in altre città e specialmente capire meglio le differenze fra questa particolare esplosione di indignazione e di rabbia e le precedenti rivolte contro la violenza della polizia, l’evoluzione in corso nel movimento Black Lives Matter e le implicazioni sulla vita politica nonché sulle elezioni presidenziali di novembre.
Elenco e illustro qui sotto un paio di cose che ho scoperto e che non mi sembrano sufficientemente sottolineate nel dibattito pubblico italiano ed europeo.

Una premessa sulle fonti: quella principale è ovviamente Internet, grazie alla quale è possibile riascoltare il discorso del giovane sindaco di MSP e i commenti dei vari consiglieri comunali sulla decisione di smantellare il corpo di polizia locale, leggere le recenti interviste del New Yorker o del Rolling Stone Magazine alle fondatrici di BLM e ad altri attivisti sulle caratteristiche del movimento durante il Covid 19, ecc.
Ma la prima “scoperta” l’ho messa a fuoco in particolare cercando gli approfondimenti su questi temi forniti da due fonti alle quali ricorro abitualmente che sono le TED Talks (2) e i notiziari del Brookings Institut (3). Si tratta di due istituzioni non for profit profondamente diverse (la prima centrata sulla comunicazione, la seconda sulla raccolta sistematica di dati, ricerche e commentari politici nonpartisan) che però hanno in comune una inusuale volontà e capacità di promuovere idee pragmatiche e innovative su come risolvere i problemi più annosi della società.
Entrambi questi canali di informazione hanno dedicato specialmente dalla emergenza del Covid 19 in poi uno spazio straordinario a questi temi e nella abbondanza e pluralità di contributi, la cosa che più mi ha colpito è stata la percentuale di esperti prestigiosi di colore. Grosso modo: su cinque contributi quattro sono di studiosi e attivisti neri. Si tratta di persone giovani, sui trent’anni, che quasi sempre hanno frequentato università prestigiose e non di rado insegnano e dirigono centri di “African-American-Studies” in altre università altrettanto prestigiose e in ogni caso svolgono ricerche sul campo sui problemi dei quartieri in crisi, del razzismo strutturale, delle diseguaglianze e discriminazioni che minano la democrazia americana di cui si pongono come combattivi fautori. Non pochi di loro lavorano come “mediatori” dei conflitti che sorgono fra polizia e comunità locali e come esperti e consulenti sui problemi della equità e giustizia sociale. Le conferenze (TED talks) di alcuni di loro raggiungono 6 milioni e più di “views”, il che da una idea di quanto fondamentali e incisive – direi prive di concorrenza – siano diventate queste forme di comunicazione.

Quando nel 2016 sono stata ospite al Program on Negotiation della Harvard Law School, ho avuto occasione di parlare con alcuni degli insegnanti di Obama e di ricostruire in che modo questa istituzione ha funzionato come predellino di lancio per la sua futura carriera politica. Ha contato moltissimo che il precedente lavoro come organizzatore di comunità a Chicago sia stato valutato positivamente ai fini delle borse di studio e che le sue singolarità siano state premiate facendolo assurgere a primo direttore nero della Harvard Law Review, la prestigiosa rivista gestita dagli studenti della scuola di Legge. Da cui articoli sul New York Times, copertine di Journal prestigiosi e la proposta di scrivere la propria autobiografia. Guardando e ascoltando questi giovani che parlavano con cognizione di causa sia scientifica che auto-biografica di razzismo strutturale, mi sono resa conto che in questi anni, dalla elezione di Obama in poi (2009), questo meccanismo di formazione di una nuova classe dirigente espressione degli strati sociali più marginalizzati, è andata avanti alla grande, senza che molti di noi, accecati e spaventati da Trump, ce ne rendessimo pienamente conto. Più precisamente: un nuovo tipo di formazione per una nuova classe dirigente. Per tutti loro, il rapporto fra riflessione e accumulo di conoscenze e l’attivismo sul campo risultano assolutamente centrali. In altre parole sembra proprio che si sia verificata quella “moltiplicazione degli Obama” da lui stesso auspicata ai tempi della sua prima intervista al NY Times (4). Un cambiamento del genere, quando si incrocia con l’emergenza Covid e il BLM, diventa una sfaccettatura di un possibile cambiamento sistemico di cui questi “change agents”, questi veri e propri “intellettuali organici” (5) gramsciani si dimostrano per- fettamente consapevoli.

In questa sede mi propongo di illustrare questo cambiamento sistemico in atto attraverso le testimonianze provenienti da tre fonti: le riflessioni di Opal Tometi, una delle tre donne nere che sette anni fa hanno inventato e lanciato l’hashtag “Black Lives Matter”, quelle dei membri del consiglio comunale di Minneapolis che hanno proposto lo scioglimento del corpo di polizia locale, e l’input di un paio di nuovi intellettuali organici che da tempo si occupa di come instaurare dialogo e collaborazione fra forze di polizia e abitanti delle comunità più disagiate.

 

(Photo by David Cliff/NurPhoto via Getty Images)

 

Le proteste seguite alla uccisione di George Floyd hanno raggiunto immediatamente una estensione e una drammaticità mai viste nei cinquant’anni precedenti. In una intervista sul New Yorker del 3 giugno 2020 (6), Opal Tometi si sofferma sulle differenze fra questo movimento e quelli precedenti. “Queste proteste sono differenti perché sono segnate da un periodo che è stato profondamente personale per milioni di americani e di residenti degli Usa, che li ha resi più emozionalmente attenti e sensibili agli accadimenti.” Un piccolo elenco: la percentuale di decessi per Covid 19 nella comunità nera dalle due alle tre volte superiori a quelli dei bianchi; l’aumento della disoccupazione senza le risorse economiche per farvi fronte, il pericolo di rimanere senza luce, gas e senza un tetto; la consapevolezza di svolgere una serie di occupazioni assolutamente essenziali (riconosciute come tali unanimemente durante l’emergenza sanitaria) assurdamente sottopagate. Dentro questa catastrofe, da un lato entrano in circolazione una valanga di dati, di statistiche, di ricerche, di testimonianze (grazie alla “moltiplicazione degli Obama”) che dimostrano l’uso distorto del denaro pubblico a tutti i livelli e che “la colpa” non è della comunità nera (come il potere dominante tenta di far credere), dall’altra: “Le persone che normalmente erano assillate dal lavoro, adesso hanno tempo di andare a una manifestazione, hanno tempo di riflettere sui motivi del loro disagio, della loro emarginazione. Cresce la consapevolezza che tutto questo è profondamente ingiusto, e che adesso ho la possibilità di mettere i miei problemi al centro della scena. “Non è dunque solo una questione di quantità di rivendicazioni e di volume di mobilitazione. “A me pare – continua Opal Tometi – che quello a cui stiamo assistendo è prima di tutto un aprirsi della immaginazione, dove le persone stanno incominciando a pensare in modo più circostanziato, città per città, quartiere per quartiere, a quali possono essere le soluzioni. Abbiamo le nostre soluzioni.” Nessuno può più dire non ci sono i soldi. “Sappiano esattamente quanti soldi sono stanziati, città per città, nelle forze e attività di polizia e di incarcerazione (7), e chiediamo che la stragrande maggioranza di questo malloppo venga distolto dalla polizia per essere impiegato in iniziative di riqualificazio- ne della vita urbana delle comunità nere.”
La seconda “scoperta” nel corso di questa ricerca è che lo slogan “Defund Police” (Definanziare la Polizia) divenuto senza alcun dubbio identificativo della attuale svolta del BLM, è l’espressione della emersione nelle comunità nere di un americanismo radicale da manuale. Praticamente oggi i neri del BLM si pongono e si propongono come gli unici veri americani. Infatti il leitmotif che ritroviamo ovunque può essere riassunto nei seguenti punti: 1. l’86% del finanziamento della polizia proviene dalle tasse locali; 2. nonostante che questo finanziamento sia cresciuto in questi ultimi anni fino a coprire non di rado un quarto del bilancio municipale, il senso di sicurezza delle comunità nere è andato drammatica- mente peggiorando; 3. questo uso dei “nostri tax-dollars” non riflette le priorità dei “Black tax payers” e delle loro comunità. Priorità che invece riguardano i livelli di occupazione, il funzionamento delle scuole, l’accesso alle cure mediche; 4. in quanto “tax payers” e so- stenitrici dei poteri del governo locale, le comunità nere esigono di aver voce in capitolo sull’impiego dei loro soldi.La quantità di dati, di interesse e di tempo che sta prendendo la discussione su quanti “nostri soldi” le singole municipalità impiegano per la polizia e su come differentemente potrebbero essere utilizzati, e anche su quali impedimenti legislativi e burocratici un tale programma deve prepararsi ad affrontare è decisamente un salto di qualità rispetto le idealità più generali del movimento dei diritti civili e si riflette sulle modalità di leadership: da pochi grandi leader a livello nazionale a una molteplicità di leader locali (8), dalla retorica tipica dei sermoni pastorali, alle doti di organizzatori di comunità alla Saul Alinsky (9). Si potrebbe chiamare “democrazia coi piedi a terra” e Tocqueville vi scriverebbe un capitolo aggiuntivo del suo libro.
Un aspetto complementare di questo salto di qualità sono i “principi ispiratori” posti alla base di questa rete di movimenti e organizzazioni, declinati in termini di rispetto e valorizzazione delle diversità, globalismo, empatia, giustizia restaurativa, intergenerazionalità e così via (10). L’idea che le rivendicazioni debbono discendere dalla costruzione congiunta di una “vision” di società desiderabile, non era finora così diffusa nemmeno nella società americana.

 

 

Il cambiamento di ottica, dal muoversi nel quadro dell’esistente, al cambiare questo quadro, è epitomizzato proprio dal caso di Minneapolis. Infatti sia nei discorsi dei consiglieri comunali che hanno proposto la mozione di scioglimento del corpo di polizia da sostituire con un “Nuovo Dipartimento di Sicurezza di Comunità e Prevenzione della Violenza”, che nei commenti a livello nazionale, viene messo in luce che “decenni di interventi di riforma hanno dimostrato che il Dipartimento di Polizia di Minneapolis non è riformabile e non sarà mai responsabile delle sue azioni.”
Philip V. McHarris and Thenjiwe McHarris, scrivono sul New York Times: “La moltiplicazione dei corsi di formazione, l’assunzione di agenti di diverse etnie e neppure il licenziamento di singoli agenti sono in grado di mettere fine alla brutalità della polizia. Guardate il Dipartimento di Polizia di Minneapolis, che è considerato un modello di riforma progressista.
Questo Dipartimento offre servizi di “giustizia procedurale”, basata sull’ascolto delle parti e la ricerca di soluzioni condivise, training contro i bias impliciti, corsi di mindfulness e deescalation dei conflitti. Prevede la presenza di poliziotti di comunità, possibilmente della stessa etnia degli abitanti dei quartieri in cui operano, vieta ogni approccio “militaresco”, fa ricorso a videocamere per monitorare il comportamento degli agenti e identificare quelli problematici, offre corsi su come intervenire in casi di persone con problemi mentali ed è disponibile ad iniziative di “riconciliazione” con le popolazioni delle comunità di colore.(..) E’ l’intero sistema di giustizia criminale che dà agli agenti di polizia il potere e l’opportunità di molestare e uccidere in modo sistematico. La soluzione per porre fine alla violenza della polizia e garantire un Paese più sicuro va trovata nella riduzione del potere della polizia e dei suoi contatti con la gente. Possiamo farlo reinvestendo i 100 miliardi di dollari spesi a livello nazionale per sostenere la polizia in programmi alternativi, come hanno chiesto le persone scese in piazza a Minneapolis.” (11)
A questo elenco aggiungo che l’attuale capo della polizia di Minneapolis si chiama Medaria Arradondo, ed è un nero. Aggiungo anche che decisioni analoghe di drastica riduzione dei poteri della polizia sono state prese in questi anni, sotto l’onda delle proteste, in altre città americane e che in ogni caso sono richiesti oltre al voto del consiglio comunale una serie di altri passaggi. Le tre principali barriere ad un processo di “sicurezza pubblica trasformativa” ha dichiarato un membro del consiglio comunale di MSP, sono: la riforma dello statu- to, l’opposizione del sindacato degli agenti di polizia, e l’approvazione della assemblea le- gislativa a livello statale. Una strada irta di ostacoli che il movimento mi pare attrezzato e maturo ad affrontare.

Come ultimo punto, per capire meglio che aria tira, mi pare utile uno sguardo dall’interno del funzionamento del corpo di polizia. Faccio riferimento prevalentemente a due fonti, una discussione fra quattro ospiti organizzata dagli editor delle TED talks il 3 giugno 2020 (12), e un articolo del 11 giugno firmato da quattro ricercatori del Metropolitan Policy Program al Brookings Institute (13). In entrambi i casi si tratta di giovani che oltre a fare ricerca scientifica, lavorano come consulenti delle istituzioni e forze di polizia locali per indivi- duare ed eliminare le radici della violenza e razzismo strutturale e promuovere il dialogo e la cooperazione fra i vari soggetti della comunità. Dei primi quattro quello che più mi interessa in questo caso è il Dr. Phillip Atiba Goff che lavora direttamente con i Dipartimenti di Polizia ed è co-fondatore del Center for Policing Equity (CPE), un centro di ricerca univer- sitario che a quanto pare possiede l’osservatorio dei comportamenti della polizia più ricco e sistematico degli Usa. Il centro opera a partire dalla definizione di “razzismo” come una serie di dinamiche comportamentali misurabili e cambiabili e non come un difetto di carattere. Goff ha studiato a Harvard e Stanford e fra le altre cose ha fatto parte della Task Force di Obama sulla Polizia del 21mo secolo. E’ interessante che sulla base di tutti questi titoli, ricerche ed esperienze professionali, la diagnosi che egli propone non differisca da quelle che ho sintetizzato sopra. Non c’è altra via che sottrarre fondi dai bilanci della poli- zia per investirli direttamente in risorse pubbliche per le comunità, in modo tale che la po- polazione possa fare a meno della polizia per la propria sicurezza. “Quello che stiamo vedendo – sostiene Goff – è la presentazione del conto scaduto per i debiti non pagati che gli Stati Uniti devono ai loro residenti neri.”
Nell’articolo “To add value to Black communities, we must defund the police and prison systems”, gli autori, nel sintetizzare i risultati delle ricerche sul funzionamento della polizia, aggiungono una serie di informazioni tese a dimostrare che ormai il fenomeno è talmente sotto le lenti della pubblica opinione e così riccamente documentato, che gli stessi dirigenti e agenti della polizia non cercano neppure di negarlo. Ecco alcuni stralci:
“Nel corso del tempo, gli agenti di polizia e di correzione sono stati gravati di una serie di responsabilità – dal monitoraggio delle scuole e dei campus alla risposta alle crisi di salute mentale – in cui gli agenti non hanno né formazione né esperienza. Una drastica ristrutturazione delle responsabilità della polizia aprirebbe posti di lavoro che non bloccano la mobilità economica dei residenti neri. Le comunità nere hanno bisogno di un maggior numero di posti di lavoro nel settore pubblico che offrano benefici simili, ma che offrano un miglior rendimento per le nostre tasse. (..) L’infrastruttura per assorbire nuovi posti di lavoro nelle economie locali c’è già. Ci sono consulenti e programmi per le vittime di violenza sessuale, servizi per le persone senza fissa dimora o che soffrono di dipendenze e dipartimenti che rispondono agli abusi domestici. Questi programmi esistono, ma non sono adeguatamente finanziati. Ridurre la carcerazione e il budget gonfiato del dipartimento di polizia ci permet- terà di sostenere questi servizi e di alleviare l’onere che grava sulla polizia e sulle carceri.” Esiste dunque fra le forze di polizia la speranza che un alleggerimenti dei loro compiti permetta di migliorare le statistiche disastrose sul loro operato in tema di crimini violenti: circa il 38% degli omicidi, il 66% degli stupri, il 70% delle rapine e il 47% delle aggressioni aggravate non risolti ogni anno. Come sostiene Opal Tometi: “E’ come ricevere uno schiaffo in faccia quando il governo locale vede cosa succede nei loro distretti di polizia e dintorni e reagisce dicendo: ‘Dobbiamo dare loro più soldi perché chiaramente al momento non funziona!’ Se uno sul lavoro si dimostra non in grado di farvi fronte con perfino degli esiti letali, va licenziato. Quello che noi abbiamo capito è che non ha senso continuare su questa strada.”
Questo mi pare il quadro complessivo oggi, un quadro in cui è in gioco la riscoperta e rilancio della democrazia americana per opera “degli ultimi” che si sono costruiti una intellighenzia di prim’ordine, in grado di esercitare una influenza e forse una egemonia su una ampia parte della società. Cosa significa “controllo della comunità” sui “nostri tax dollars” è tutto da decidere, ma di questo si sta discutendo, mentre Trump che di tutto ciò non capi- sce niente, si allontana con tutti i suoi dollari (non tassati) e la coda fra le gambe. E su questo si deciderà dentro il partito democratico, da qui a novembre.

 

NOTE

1. Ero negli Usa con una borsa di studio di scambi culturali della American Field Service, oggi in Italia, Intercultura

2. Le TED Taks hanno origine nel 1984 in California, come lancio di una modalità comunicativa basata sulla convergenza di Technology, Entertainment and Design capace di rendere comprensibili e attraenti i temi più svariati del sapere, dalla scienza alla economia, dalle ecologia alla educazione e globalizzazione, sempre con precisi riferimenti alla autobiografia del narratore, “in che modo questo interesse è nato e come si è svi- luppato nella mia vita”. La selezione è fatta in base al criterio di “ideas worth spreading” e il successo è stato tale che oggi queste conferenze di max 18 minuti sono tradotte in più di 100 lingue e il format è imitato e ri- prodotto un po’ ovunque, anche se non sempre con la stessa efficacia.

3. Brookings è un Think Tank fondato a Washington DC nel 1916 come centro di ricerca e di educazione indi- pendente, teso a studiare proposte per il miglioramento della vita sociale per tutti gli americani e dei rapporti internazionali. Nel 1948 quando le fu chiesto di presentare un piano per la gestione del programma europeo di recupero, lo schema organizzativo che presentò divenne noto come “il Piano Marshall”. Dal 2008 risulta al primo posto nei vari indici di classifica dei Think Tank negli Usa e nel mondo.

4. Intervista messa in rete recentemente: https://www.nytimes.com/1990/02/06/us/first-black-elected-to-head- harvard-s-law-review.html

5. Praticamenti tutta questa nuova intellighenzia Usa conosce Gramsci, il quale da anni è molto più letto e citato nelle università statunitensi che non in quelle italiane.

6. https://www.newyorker.com/news/q-and-a/a-black-lives-matter-co-founder-explains-why-this-time-is-diffe- rent

7. Rinuncio a riportare in questo articolo la valanga di dati sui fondi destinati al finanziamento della polizia e delle carceri in paragone a quelli per le cure mediche, abitazioni e servizi sociali. Mi limito a un esempio: la percentuale (39%) di persone incarcerate che invece dovrebbero trovare assistenza in centri comunitari che esistono ma sono sotto-finanziati, perchè sono nonviolente, hanno compiuto piccoli reati, o hanno già scon- tato gran parte della pena. Si tratta di circa 600.000 persone che, liberate, permetterebbero di risparmaire circa 20 miliardi di dollari all’anno, sufficienti per gli stipendi di 327.000 insegnanti. Vedi: https://www.brookings.edu/blog/how-we-rise/2020/06/11/to-add-value-to-black-communities-we-must-defund-the-police-and-prison-systems/

8. Come ha sottolineato uno dei principali teorici del “Defund Police”, Frederick C Harris di Yale University: il nuovo modello di leadership “centrato sui lavori di gruppo” si è sostituito a quello basato sulla “leadership carismatica” delle organizzazione dei diritti civili come la Rainbow PUSH Coalition di Jesse Jsckson e la National Action Network di Sharpton.

9. La figura dell’organizzatore di comunità negli Stati Uniti è indissolubilmente legata al suo inventore e teorico nonché primo geniale praticante: Saul Alinsky (1909 -1972). Per un approfondimento in particolare sul rapporto con Obama: “LA MADRE, CHICAGO, HARVARD” Intervista a Marianella Sclavi di Barbara Bertoncin, Una Città 167 / 2009

10. Vedi i 13 principi guida del BLM, sul loro sito.

11. “No More Money for the Police. Redirect it to emergency response programs that don’t kill black people”.By Philip V. McHarris and Thenjiwe McHarris, New York Times, 30 maggio 2020

12. Gli ospiti sono: Dr. Phillip Atiba Goff, Rashad Robinson, Dr. Bernice King and Anthony D. Romero

13. https://www.brookings.edu/blog/how-we-rise/2020/06/11/to-add-value-to-black-communities-we-must-de- fund-the-police-and-prison-systems/ by Andre M. Perry, David Harshbarger, Carl Romer, and Kristian Thy- mianosThursday, June 11, 2020

I commenti sono chiusi.

A new appetite for the future

19/12/2019
di Agnese Bertello
In una recente Conferenza a Amsterdam (28 novembre 2019) su “The State of Conflict“, ovvero come ci appaiono le nostre...
In una recente Conferenza a Amsterdam (28 novembre 2019) su “The State of Conflict“, ovvero come ci appaiono le nostre società e istituzioni se le guardiamo attraverso la lente dei conflitti che le attraversano, tutti gli interventi pur con diverse angolazioni hanno illustrato una tesi che condivido (ero una delle keynote speakers), ovvero che non... Read more »

In una recente Conferenza a Amsterdam (28 novembre 2019) su “The State of Conflict“, ovvero come ci appaiono le nostre società e istituzioni se le guardiamo attraverso la lente dei conflitti che le attraversano, tutti gli interventi pur con diverse angolazioni hanno illustrato una tesi che condivido (ero una delle keynote speakers), ovvero che non esiste soluzione dei conflitti piccoli o grandi nel mondo di oggi, in assenza di futuro. Uno degli oratori, Maarten Hajer nel suo intervento intitolato ” A Soft Space Theory of Politics. Facing the limits of argumentation in a worked-up world” ( “Una teoria politica basata su spazi morbidi. I limiti dell’argomentazione in un mondo complesso”) ha posto la domanda: “How can we give people a new appetite for the future?” 

Mi sembra una buona domanda.

Presentazione di Marianella Sclavi al
convegno The State of Conflict 2019

I commenti sono chiusi.

Presente, passato, futuro della partecipazione a Milano

13/11/2019
di Agnese Bertello
Dal 22 al 24 novembre a Milano si tiene “Milano Partecipa” primo evento interamente dedicato alla partecipazione dei cittadini. Il...
Dal 22 al 24 novembre a Milano si tiene “Milano Partecipa” primo evento interamente dedicato alla partecipazione dei cittadini. Il programma dell’evento è stato costruito dal basso, accogliendo le proposte dal territorio. Ascolto Attivo propone un workshop dal titolo “Passato, presente e futuro della partecipazione a Milano” che si terrà domenica 24 novembre dalle 16.00... Read more »

Dal 22 al 24 novembre a Milano si tiene “Milano Partecipa” primo evento interamente dedicato alla partecipazione dei cittadini. Il programma dell’evento è stato costruito dal basso, accogliendo le proposte dal territorio.

Ascolto Attivo propone un workshop dal titolo “Passato, presente e futuro della partecipazione a Milano” che si terrà domenica 24 novembre dalle 16.00 alle 18.00 presso lo Spazio Joule, Cariplo Factory.

Obiettivo del workshop è condividere una riflessione su come è cambiata la partecipazione – il modo di pensarla, il modo di farla – a Milano negli ultimi 10 anni. Una riflessione da cui partire per cercare di mettere a fuoco insieme come vogliamo che sia in futuro. Il workshop è aperto a tutti coloro che la partecipazione la fanno, la pensano, la vogliono: cittadini, facilitatori, esperti, ricercatori, istituzioni, associazioni…

Per partecipare occorre iscriversi

Scopri tutto il programma di Milano Partecipa

I commenti sono chiusi.

Rimini on air 1969/2019. Partecipazione e progetto urbano

05/09/2019
di Agnese Bertello
Due giorni di convengo a Rimini su partecipazione e progetto urbano a partire dall’esperienza di Giancarlo De Carlo. Tra i...
Due giorni di convengo a Rimini su partecipazione e progetto urbano a partire dall’esperienza di Giancarlo De Carlo. Tra i relatori, Marianella Sclavi, con un intervento su Teoria e pratica della partecipazione in ubanistica e architettura. 

Due giorni di convengo a Rimini su partecipazione e progetto urbano a partire dall’esperienza di Giancarlo De Carlo. Tra i relatori, Marianella Sclavi, con un intervento su Teoria e pratica della partecipazione in ubanistica e architettura. 

I commenti sono chiusi.

Cittadinanza sociale e territorio

09/09/2019
di Marianella Sclavi
Un’iniziativa di democrazia partecipata nel quartiere Libertà di Benevento.
Un’iniziativa di democrazia partecipata nel quartiere Libertà di Benevento.

La situazione attuale del rione Libertà di Benevento è per molti versi sintomatica della crisi della convivenza e della politica nel nostro Paese. Il quartiere Libertà è il più popoloso della città ed è un quartiere popolare ricco di associazioni che operano in molti ambiti tenendo vivo (nello sport, nella cura dei disabili, nel doposcuola, nella mobilitazione dei senza casa, nella promozione di occasioni di socialità e di lotta contro il degrado, ecc.) il rapporto fra dimensione comunitaria e qualità della vita. E tuttavia la sensazione è di muoversi nelle sabbie mobili, di provare a porre riparo “privatamente” a un deficit di cittadinanza sempre più grave. Si vorrebbe promuovere la capacità della intera comunità di avere voce in capitolo sul proprio futuro, e invece ci si sente ridotti a delle piccole oasi di civismo e di solidarietà dentro un sempre più invasivo processo di desertificazione. Per compiere il salto dal coltivare le oasi a trasformare il deserto in un giardino accogliente, non è sufficiente che le diverse associazioni della società civile si mettano in rete, che stabiliscano fra loro dei collegamenti più sistematici; è necessario che ognuna di loro e tutte assieme, affrontino, accanto ai temi in cui sono già impegnate, anche il problema più generale del ruolo degli abitanti, dei cittadini, nel governo del territorio.

Nei laboratori di progettazione partecipata rivolti ai dirigenti di queste associazioni abbiamo deciso che per iniziare col piede giusto, bisognava chiedere agli abitanti stessi quali sono secondo loro i punti di forza e le criticità del quartiere. Riporto qui (in attesa di rendere interamente pubblica la loro narrazione polifonica) un paio di testimonianze.

“Questo rione essendo nato al di là del fiume e con scarsi collegamenti con la città, è stato sempre vissuto dai suoi abitanti come un corpo staccato dalla città di Benevento, come un villaggio a sé stante. La gente diceva “vado a Benevento” per dire vado in centro. Ancora oggi non di rado si dice così.”

“Io ci abito dagli anni ’60. Come sta cambiando: fino agli anni ’80 era un quartiere abbandonato, ma con un forte senso di comunità, di appartenenza. Poi si è gradualmente perso il senso di comunità, lo spirito di quartiere. Adesso a sentirsi abbandonate sono le persone e le famiglie che ci vivono.”

“Il quartiere ha bisogno di una scossa. Tutti gli investimenti fatti negli anni scorsi, la Spina Verde e il resto non hanno migliorato la vita della gente. I problemi sono sempre gli stessi: primo il lavoro, i redditi bassi sono peggiorati; secondo, i giovani sono lasciati senza prospettive e per reagire alla noia c’è chi cerca “l’avventura” nel vandalismo, chi si butta a scassare l’auditorium, a scassare gli spazi pubblici, senza un perché. Lo spaccio e criminalità trovano terreno fertile.”

“Anche la recente inaugurazione dei nuovi ponti sul fiume Sabato, quello di Torre della Catena e quello ciclopedonale, che migliorano i collegamento fra il rione e il centro città, non aiutano a ricostruire quei momenti di comunità, di stare assieme.”

Il crescente impoverimento e percezione dell’aumento delle diseguaglianze economiche, sociali, culturali, vengono ulteriormente acuiti, nel rione Libertà, dalla devastazione di due importanti strutture, la “Mediateca” e la “Casa della Musica”, che invece di esser attive e a disposizione della comunità e dell’intera città, sono state lasciate alla mercé degli atti vandalici. Avere sotto gli occhi ogni giorno lo spreco di investimenti di più di 40 milioni di euro ricevuti dai Fondi Europei per la rigenerazione urbana, provoca indignazione e sconforto, ma anche la convinzione che il co-protagonismo degli abitanti nella cura del territorio e nelle decisioni di sviluppo e riqualificazione dello stesso, non sono più rimandabili. L’idea che sta alla base della esperienza di democrazia partecipativa che ha preso il via per iniziativa delle associazioni e comitati di cittadinanza attiva del rione Libertà è che i problemi dell’aumento dei posti di lavoro, dei redditi bassi e del futuro dei giovani possono e debbono essere affrontati in connessione con quelli del restauro e della gestione della Mediateca e della Casa della Musica. Il quartiere deve poter aver voce in capitolo sia su cosa significa far funzionare queste strutture al pieno delle loro potenzialità, sia sulle ricadute in termini d’iniziativa economica e culturale che questo renderebbe possibile nel tessuto sociale del territorio circostante.

Questo implica una svolta nella concezione della rappresentanza politica e della democrazia, che nel Laboratorio abbiamo chiamato: “un salto dal XIX al XXI secolo”. È infatti anche troppo chiaro che le procedure della rappresentanza e decisione politica elaborate nella prima metà dell’800 (in corrispondenza alla invenzione del telegrafo) e ancor oggi in vigore, non sono più adatte alla complessità di una società globalizzata e dominata dalla comunicazione digitale.

Il tipo di cambiamento da attuare lo possiamo ricavare (se sappiamo ascoltare) proprio dalle seguenti testimonianze di due giovani del quartiere:

“Fino a 14 anni anche io me ne stavo seduto sui muretti, diffidente e ostile verso tutti e sfottevo chi cercava di migliorare il quartiere, chi lavorava per dare un’alternativa al rione. Da un lato avevo solo la voglia di sfogare la rabbia, dall’altro ero consapevole che correvo il rischio di fare una brutta fine. Vedevo il vuoto davanti a me. Io so per esperienza che è molto difficile cambiare, uscire da questo atteggiamento di vendetta. Se “passi dall’altra parte”, se ti metti a costruire invece che distruggere, sei visto dai tuoi vecchi compagni come un traditore, come uno che si fa addomesticare dagli speculatori, dai nemici.”

“Quello che mi ha aiutato a trovare il coraggio di cambiare è stato che i membri di questa associazione di cui adesso faccio parte, che si chiama CARL, Cittadinanza Attiva Rione Libertà, mi hanno chiesto di dar loro una mano. Hanno detto che avevano bisogno del mio aiuto. Se avessero offerto di aiutarmi avrei rifiutato, ma mi hanno chiesto di aiutare gli altri ed io avevo bisogno di fare delle cose che resistono nel tempo, invece di distruggere.

Questa frase di questo ragazzo ventenne del quartiere Libertà andrebbe assunta come slogan della riforma dei servizi sociali e di una concezione partecipata, deliberativa, della vita democratica. Tutti noi abbiamo bisogno per dare un senso alla nostra vita “di fare cose che resistono nel tempo“, e di una rappresentanza politica abbastanza saggia da sapere che “ha bisogno del nostro aiuto” sia per fare delle diagnosi meno superficiali, sia per co-progettare interventi e soluzioni efficaci. Oggigiorno questo approccio partecipativo, a differenza dalla epoche passate, è diventato necessario anche per problemi complessi che riguardano ampie fasce di popolazione e territori vasti ( fino all’intero pianeta). La buona notizia è che non solo è necessario, ma anche possibile. Infatti oggi grazie alla comunicazione digitale tutti hanno almeno virtualmente a disposizione le informazioni sulle buone pratiche in atto altrove e grazie agli studi sulle dinamiche di gruppo sappiamo come organizzare degli incontri che evitano la polarizzazione delle posizioni e lasciano emergere la intelligenza collettiva.

L’epoca dei “regolamenti che non lo permettono”, dei servizi sociali incapaci di tener conto delle esigenze locali e delle contingenze personali, dei politici chiusi nei bunker delle “stanze dei bottoni”, della certezza del diritto garantita da regolamenti avulsi dalla realtà e non da una effettiva trasparenza di tutti i passaggi decisionali è finita. Si apre quella dei giovani accompagnati ad esplorare la molteplicità delle opzioni che il mondo attuale offre loro e di una società che non ha paura di uscire dalle attuali paralisi per progettare un futuro più equo, saggio e desiderabile per tutti. Finora il Consiglio Comunale e la Giunta della città di Benevento, che dovrebbero essere alla testa di un cambiamento di questa portata, non si sono fatti vivi. Noi l’invito ufficiale l’abbiamo inviato. Sappiamo che è faticoso passare da una concezione della partecipazione basata sugli schieramenti, sul “noi contro loro”, a una concezione in cui la diversità – anche quella antagonista – diventa risorsa. È una faticosa conversione antropologica, quella in atto. Ma migliora da subito la qualità della vita e vale la pena provarci. E perché no – al Sud – a partire proprio da Benevento?

I commenti sono chiusi.