Marianella Sclavi

Matera 2019 – Candidatura Capitale Europea della Cultura

29/07/2019
di Agnese Bertello
Nel 2014 Matera è stat proclamata Capitale Europea della Cultura 2019. Un risultato importante raggiunto anche grazie al percorso di...
Nel 2014 Matera è stat proclamata Capitale Europea della Cultura 2019. Un risultato importante raggiunto anche grazie al percorso di coinvolgimento della cittadinanza che si è sviluppato durante tutto il 2013 e che è culminato nell’Open Space Technology “Quali idee per costruire insieme Matera capitale delle culture partecipate”, tenutosi il 5 aprile 2013. Il percorso è... Read more »

Nel 2014 Matera è stat proclamata Capitale Europea della Cultura 2019.
Un risultato importante raggiunto anche grazie al percorso di coinvolgimento della cittadinanza che si è sviluppato durante tutto il 2013 e che è culminato nell’Open Space Technology “Quali idee per costruire insieme Matera capitale delle culture partecipate”, tenutosi il 5 aprile 2013. Il percorso è stato curato da Ascolto Attivo insieme a Gerardo de Luzemberger e Studio Azzurro.
Apertura, trasparenza, dialogo, coinvolgimento degli abitanti sono gli elementi che hanno caratterizzato il dossier “Open Future” con cui Matera si è candidata a Capitale Europea della Cultura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

riCALABRIA

24/07/2019
di Agnese Bertello
La ‘ndrangheta, le massonerie deviate, l’insipienza e la corruzione politica hanno prodotto in Calabria un fallimento inequivocabile, reso ancora più...
La ‘ndrangheta, le massonerie deviate, l’insipienza e la corruzione politica hanno prodotto in Calabria un fallimento inequivocabile, reso ancora più insopportabile dalla crisi e dai progressivi tagli alle risorse pubbliche. Proprio per questa ragione, la Comunità Progetto Sud e GOEL hanno ritenuto che fosse arrivato il momento di attivarsi insieme ai calabresi per esprimere una... Read more »

La ‘ndrangheta, le massonerie deviate, l’insipienza e la corruzione politica hanno prodotto in Calabria un fallimento inequivocabile, reso ancora più insopportabile dalla crisi e dai progressivi tagli alle risorse pubbliche. Proprio per questa ragione, la Comunità Progetto Sud e GOEL hanno ritenuto che fosse arrivato il momento di attivarsi insieme ai calabresi per esprimere una partecipazione più diretta e responsabile al cambiamento e al riscatto della Calabria.

Per questo è nato il progetto “riCalabria”, promosso da Comunità Progetto sud e dalla Cooperativa Goel e sostenuto dalla Fondazione Charlemagne onlus, che vuole far emergere nuove strade per il cambiamento e il riscatto della Calabria, attraverso l’individuazione di un nuovo modello di governance, che vede protagonista la società civile e i cittadini.

Un grande progetto di animazione sociale territoriale, in tutta la regione, che vuole raccogliere stimoli, proposte e adesioni a partire da tre domande:

  • Cosa vuoi cambiare in Calabria?
  • Quali proposte di cambiamento pensi siano praticabili?
  • Cosa sei disposto a fare per la loro attuazione?

Marianella Sclavi fa parte del gruppo di esperti chiamati a sostenere il progetto, fornendo contributi scientifici e progettuali. A Marianella Sclavi è stato affidato il compito di delineare la strategia partecipativa del progetto, formare alla progettazione partecipata e alla democrazia deliberativa tutti gli animatori e lo staff del progetto, affiancare gli operatori nell’attività di coinvolgimento e animazione territoriale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Budget Educativi a Benevento

18/07/2019
di Agnese Bertello
#PFP, Progetti Formativi Personalizzati con #BudgetEducativi è un progetto selezionato da #ConiBambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà...
#PFP, Progetti Formativi Personalizzati con #BudgetEducativi è un progetto selezionato da #ConiBambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, grazie al “Bando adolescenza”. Obiettivo generale del PFP è quello di ampliare e migliorare le opportunità educative per gli adolescenti di specifici territori visti come attori dello sviluppo umano sostenibile. Obiettivo territoriale è... Read more »

#PFP, Progetti Formativi Personalizzati con #BudgetEducativi è un progetto selezionato da #ConiBambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, grazie al “Bando adolescenza”.

Obiettivo generale del PFP è quello di ampliare e migliorare le opportunità educative per gli adolescenti di specifici territori visti come attori dello sviluppo umano sostenibile. Obiettivo territoriale è ridurre i malfunzionamenti locali della società che mettono in difficoltà gli adolescenti, impediscono ad alcuni di frequentare regolarmente la scuola o li emarginano in circuiti speciali.

A Benevento, in particolare, il progetto #PFP ha riguardato il rione Libertà e il recupero di alcuni beni pubblici, tra cui l’edificio della Spina Verde, un complesso architettonico di prestigio, oggi completamente in stato di abbandono. Ascolto Attivo, ha definito la strategia complessiva del percorso partecipativo e coordinato sul campo cittadini, insegnanti ed educatori. Tra marzo e dicembre 2019, attraverso passeggiate di quartiere, narrazione polifonica, mostre partecipate, open space technoloy, insieme, si lavorerà a una proposta di recupero e valorizzazione di questi beni, come leva per un nuovo sviluppo del quartiere. La proposta elaborata sarà presentata al Consiglio Comunale di Benevento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’Italia che si ricostruisce: pratiche di partecipazione delle comunità

12/04/2019
di Agnese Bertello
“L’Italia che si ricostruisce: pratiche di partecipazione delle comunità nei processi di ricostruzione” 11 maggio 2019 – ore 9,00 /16,00...
“L’Italia che si ricostruisce: pratiche di partecipazione delle comunità nei processi di ricostruzione” 11 maggio 2019 – ore 9,00 /16,00 Arquata del Tronto Action Aid organizza un seminario per discutere della partecipazione dei cittadini nella ricostruzione a partire dalle esperienze concrete che hanno preso forma dopo gli ultimi eventi sismici. Ascolto Attivo parteciperà portando l’esperienza... Read more »

“L’Italia che si ricostruisce: pratiche di partecipazione delle comunità nei processi di ricostruzione”
11 maggio 2019 – ore 9,00 /16,00
Arquata del Tronto

Action Aid organizza un seminario per discutere della partecipazione dei cittadini nella ricostruzione a partire dalle esperienze concrete che hanno preso forma dopo gli ultimi eventi sismici. Ascolto Attivo parteciperà portando l’esperienza condotta a Camerino con SOS – School of Sustainability.

Programma

ore 9:30 – Sessione frontale
Introducono e moderano:​
Fabrizio Barca* – ​Economista, esperto di governo societario e di politiche di sviluppo territoriale Sara Vegni – Responsabile Programma Resilienza – ActionAid Italia e

Saluti istituzionali​ – Aleandro Petrucci, Sindaco di Arquata del Tronto

lI Regolamento sulla partecipazione dei cittadini al processo di ricostruzione​:
Le esperienze di Arquata del Tronto e di Amatrice

Il percorso Riscoperta
Associazione Pescara del Tronto 24/08/2016
Presentazione della pubblicazione “Viaggio nella memoria di Pescara del Tronto”

Presentazione della Campagna #sicuriperdavvero
Damiano Sabuzi – Esperto di policy – ActionAid Italia

ore 11:45 – Sessione in gruppi di lavoro tematici
Saranno invitati e invitate ai tavoli di lavoro amministratori e amministratrici di piccoli/medi comuni che in Italia hanno dovuto o stanno ancora fronteggiando la ricostruzione del proprio territorio, associazioni, comitati, singoli cittadini e cittadine, università ed enti preposti alla ricostruzione non solo del centro Italia, istituzioni locali, studiosi e studiose della materia. Attraverso metodologie partecipative (es. world cafè) ​si lavorerà per l’emersione di istanze comuni sui temi legati al coinvolgimento delle persone nei processi di ricostruzione.

14:00 – Ripresa dei lavori sui tavoli tematici
15:30 – Restituzione in plenaria
16:00 – Chiusura eventi

    Scarica il Programma

Una replica a “L’Italia che si ricostruisce: pratiche di partecipazione delle comunità”

  1. Sono molto interessato ma non potrò partecipare perché in viaggio (Germania dal figlio ) fino al 13. Risiedo con mia moglie ad Accumoli, partecipo ad un laboratorio di psy plus (dott.Sarà Rita Sorrentino), sono socio di Radici accumolesi e del e-club rotary Fenice del Tronto e fra gli aspiranti consiglieri comunali di Accumoli, iscritto alla CGIL Pensionati. Vedo un po’ il post terremoto come una sfida (come una opportunità mi sembrerebbe eccessivo,Almeno alla mia età. Mi sarebbe piaciuto molto incontrare Fabrizio Barca. Ricostruire e potenziare la rete dei rapporti interpersonali locali aprendoli verso l’esterno dando una prospettiva di superamento delle carenze anche esistenziali a seguito del terremoto che coinvolga attivamente i singoli mi sembra la strategia migliore.

L’adolescenza delle città

21/02/2019
di Agnese Bertello
Ci sono quartieri che, per libertà di sperimentazione, vitalità e inquietudini, rappresentano l’adolescenza di una città. Nell’ambito del programma di...
Ci sono quartieri che, per libertà di sperimentazione, vitalità e inquietudini, rappresentano l’adolescenza di una città. Nell’ambito del programma di Fondazione Cariplo Lacittàintorno Fondazione Giangiacomo Feltrinelli promuove tre laboratori civici aperti a tutti, con dibattiti, dialoghi, workshop per bambini nei quartieri di Corvetto, Chiaravalle, via Padova/ Adriano. A chiudere il percorso, il 28 febbraio, la... Read more »

Ci sono quartieri che, per libertà di sperimentazione, vitalità e inquietudini, rappresentano l’adolescenza di una città. Nell’ambito del programma di Fondazione Cariplo Lacittàintorno Fondazione Giangiacomo Feltrinelli promuove tre laboratori civici aperti a tutti, con dibattiti, dialoghi, workshop per bambini nei quartieri di Corvetto, Chiaravalle, via Padova/ Adriano. A chiudere il percorso, il 28 febbraio, la proiezione del documentario “L’Adolescenza delle città”, ideato e realizzato, con la guida dello psicologo e documentarista Alessandro Penta, dai ragazzi che ogni giorno vivono Milano e i suoi quartieri.
“L’Adolescenza delle città”, giunta alla terza tappa, dà vita a un dibattito creativo, costruttivo, necessario sul tema del conflitto che segue la presentazione del percorso di laboratorio audio-visivo “L’Adolescenza delle città” alle ore 17.00.
Marianella Sclavi, sociologa italiana, parlerà dell’importanza dell’ascolto creativo come soluzione utile a dare voce a posizioni antitetiche. Mario De Benedittis, sociologo dei processi culturali e comunicativi discute con le realtà locali.

Appuntamento venerdì 22 febbraio 2019, alle ore 17.00 presso la cooperativa La Strada, via Giovanni Piazzetta 2, Milano.

51527983_1154912054678088_7735751006545248256_o

I commenti sono chiusi.